Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Gomme da Masticare Fanno Male

Bambini: le gomme da masticare possono nuocere alla salute dei bambini, ecco perchè

Federica Federico

di Federica Federico

13 Maggio 2014

Bambini: le gomme da masticare possono nuocere alla salute dei bambini

Mangiare troppi chewing-gum può fare male alla salute dei più piccoli.

Questa è la conclusione a cui sono recentemente arrivati i ricercatori dell’Università di Tel Aviv (Israele).

Il progetto di ricerca ha coinvolto 30 pazienti dai 6 ai 19 anni, tutti affetti da cefalee ricorrenti e tutti consumatori abituali di gomme da masticare.
E’ bastato un mese di astinenza dai chewing-gum per registrare inequivocabili effetti benefici:  19 pazienti hanno smesso di accusare mal di testa e per altri 7 il disturbo è sensibilmente diminuito.
Diversamente l’emicrania è tornata a 20 giovani pazienti quando, dopo 2 settimane di cura, hanno ripreso a masticare chewing-gum.

Perché le gomme da masticare possono nuocere alla salute dei più giovani determinando emicrania anche frequente?

Questa domanda trova una risposta facile ed immediata nello studio della conformazione e dello sviluppo del cranio dei bambini e dei ragazzi:
il chewing-gum pretende l’atto della masticazione continuata ed incessante e la masticazione sollecita l’articolazione temporomandibolare.
Posto che tale articolazione è nei bambini e nei ragazzi ancora in via di formazione, è facile intuire che un’eccessiva stimolazione possa essere molto  dannosa.

In conclusione, se tuo figlio mastica abitualmente chewing-gum e spesso lamenta mal di testa, prima di ricorrere ad una cura farmacologica dell’emicrania è consigliabile eliminare l’abitudine di masticare le gomme.
Un solo mese di astinenza dai chewing-gum può risolvere o ridurre sensibilmente il problema del mal di testa.

In caso di emicrania ricorrente nei bambini (ed in vero anche nei ragazzi e negli adulti) è sempre consigliabile un controllo medico specialistico.

Fonte:
Figlifelici mensile Riza Editore  mese Aprile 2014

Leggi anche

Seguici