Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Incredibile Incidente al Casello Autostradale (Foto)

Un incidente al di fuori di ogni logica

Federica Federico

di Federica Federico

02 Giugno 2014

 

Un incidente al casello

Non è raro che gli incidenti stradali siano impressionanti o meglio non è inusuale che lascino impresse negli occhi di chi assiste ai drammi della strada immagini assolutamente incredibili.

Le auto, le lamiere, i veicoli a volte assumono posizioni imprevedibili e chi osserva l’incidente stradale fatica a comprendere la dinamica di certi impatti improbabili.

Ebbene, se si parla di impatti complicati da comprendere o improbabili da immaginare, l’incidente avvenuto non molte ore fa presso il casello autostradale di Vipiteno (provincia di Bolzano) è di sicuro interesse.

L’immagine dell’incidente è quella proposta in copertina: due vetture sono finite in un incastro che non si può che definire anomalo.

A prima vista l’immagine sembra un fotomontaggio, una bufala web, uno scherzo. In realtà la cronaca dell’incidente (con tutte le immagini che documentano l’intervento dei figli del fuoco) è chiarita e documentata dal sito web Altoadige.gelocal.it 

Una prima vettura procedeva lentamente nell’area destinata al pagamento del pedaggio autostradale e, quando era già prossima a fermarsi per pagare, è stata travolta Da un suv che sopraggiungendo ad alta velocità non è riuscito a frenare. 

Quattro in tutto gli occupanti delle due vetture, tutti salvati dai pompieri prontamente giunti sul posto. Fortunatamente, e questo è il dato più importante, nessuno si è fatto male.

Ovviamente le 4 persone, come si deduce dalle immagini, sono rimaste bloccate all’interno delle proprie auto.

L’impatto li ha letteralmente intrappolati. E solo l’intervento dei pompieri ha permesso a tutti di uscire indenni dalle macchine.

Per la rimozione delle vetture si è reso necessario l’intervento di un autogru. Una delle due macchine è stata sollevata dall’alto, sarebbe stato impossibile separale in maniera differente.

Nella galleria fotografica qui sotto le immagini che documentano le operazioni di recupero:

Leggi anche

Seguici