Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Tornare in forma dopo il parto

Simona

di Mamma Simona

08 Marzo 2011

Nei 9 mesi di gravidanza, il corpo della donna subisce trasformazioni che accompagnano la crescita del bimbo che porta in grembo. Le più evidenti sono l’aumento di volume della pancia e del seno con la conseguenza di un aumento di peso, assolutamente fisiologico dovuto allo stato interessante.

Ma non solo, il corpo della mamma subisce importanti cambiamenti grazie all’azione svolta da alcuni ormoni: il progesterone, gli estrogeni, la prolattina e le gonadotropine corioniche HCG.

I cambiamenti del corpo sono necessari poiché favoriscono la naturale crescita del feto, preparano il corpo della mamma al parto ed infine all’allattamento.

Questi cambiamenti possono lasciare delle conseguenze sul nostro corpo e sul nostro viso spesso non gradite, dei piccoli inestetismi che, se trascurati rischiano di lasciare segni indesiderati che possono cambiare il nostro corpo.

Con l’aiuto del “programma gravidanza” studiato dalla Dermophisiologique e attuato nel Centro BeUnique andremo a scoprire quali alterazioni ormonali avvengono nell’arco dei 9 mesi di gravidanza e quali sono le conseguenze estetiche.

Esaminiamo il ruolo degli Ormoni:

  • Il progesterone aumenta la propria produzione. Si tratta di un ormone importantissimo giacché impedisce ulteriori ovulazioni, inoltre aiuta lo sviluppo dell’utero e allo stesso tempo provoca il rilassamento dei tessuti muscolari, condizione necessaria perché il bambino cresca all’interno della pancia che tenderà ad ingrossare via via che trascorrano i mesi della gravidanza. Blocca le contrazioni che potrebbero provocare l’espulsione del feto, giacché questo potrebbe essere riconosciuto dal corpo della madre come elemento estraneo da eliminare. L’aumento di progesterone influisce anche sulle fibre muscolari ed elastiche, rilassandole; ciò porta ad atonia, i tessuti perdono tono muscolare, si tende ad accumulare più facilmente grassi e l’eliminazione dell’urina diventa più faticosa portando alla ritenzione idrica.
  • Grazie agli estrogeni, si velocizza il flusso sanguineo che, una volta raggiunta la placenta, fornisce al feto ciò che è necessario per la sua crescita. Ciò avviene grazie al processo di vasodilatazione. Per contro effetti indesiderati sono la predisposizione ad un maggior accumulo di grasso sottocutaneo, l’indebolimento delle fibre di collagene, responsabile di una minor densità cutanea. L’azione degli estrogeni in gravidanza si riflette positivamente sui soggetti con pelle grassa ed impura che noteranno un miglioramento dell’aspetto della cute poiché viene ridotta la produzione di sebo. Progesterone e estrogeni insieme aumentano la produzione di melanina, causa della formazione di macchie (sopratutto sul viso): il cloasma gravidico.
  • La prolattina è un ormone necessario per l’allattamento ma induce una ritenzione idrica, che può anche causare “gonfiore”, sopratutto nei soggetti che ne sono portati.

Riassumendo:

  • Derma: l’indebolimento delle fibre di collagene e il rilassamento delle fibre elastiche portano ad una perdita di tono della pelle.
  • Ipoderma: accumulo di grassi.
  • Circolazione: la vasodilatazione porta ad una riduzione del drenaggio venose e linfatico.
  • Sistema muscolare: diminuzione dell’elasticità e tonicità.

Sia durante la gravidanza che nel periodo post-parto, a causa dei cambiamenti del corpo che si adatta all’esigenze della maternità, riscontriamo una serie di effetti indesiderati ed inestetismi che, se non vengono controllati, prevenuti e curati, possono diventare permanenti.

Esaminiamo gli Inestetismi che di fatto possono segnare il corpo femminile in gravidanza e nel post-parto:

SMAGLIATURE

Le smagliature sono lesioni della pelle di tipo cicatriziale. La pelle che si tende per via di uno stiramento (come nel caso di aumento di peso) o uno status infiammatorio del derma provocano uno stress interno inteso come danno alle fibre di collagene ed elastiche. Le parti più colpite sono: addome, coscia esterna, glutei, fianchi, seno.

Si stima colpiscano il 77% delle donne in gravidanza.

Le cause principali sono la distensione dei tessuti della pelle e l’indebolimento delle fibre di collagene ed elastiche, provocati dalle alterazioni ormonali in gravidanza (aumento dei livelli di estrogeni e corticosteroidi).

CELLULITE

Quasi il 48% delle donne si trova a fare i conti con la cellulite. Si tratta di cellulite di tipo edematoso, causata e dalla ritenzione idrica e dall’aumento di tessuto adiposo, come conseguenza dell’alterazione di estrogeni e del progesterone. Si tratta della classica pelle “a buccia d’arancia”, poiché la pelle si presenta bucherellata nella zona interessata. Si avverte una mancanza di elasticità dei vasi sanguinei che si trovano nel tessuto adiposo e che causano ristagno di liquidi. Questo tipo di cellulite se non curata, tende a peggiorare nel tempo.

CLOASMA GRAVIDICO

In gravidanza l’attività dei melanociti (producono la melanina) viene sollecitata dagli estrogeni e dal progesterone, causando in alcuni casi, circa il 50-75% delle donne in attesa, la formazione di macchie che maggiormente colpiscono il viso. Anche foto esposizioni eccessive e l’uso di prodotti di bellezza (creme e cosmetici) contenenti foto sensibilizzanti ed essenze vegetali e profumate possono dar luogo alla formazione di questo tipo di melasma che in gravidanza viene chiamato cloasma gravidico. Le macchie si presentano come un’imbrunimento della pelle a chiazze. La quantità e la forma del melasma varia da soggetto a soggetto.

RITENZIONE IDRICA

E’ quel fenomeno per cui il corpo tende a trattenere i liquidi ed è la prima causa di cellulite. In gravidanza progesterone e estrogeni causano la riduzione del drenaggio venoso e linfatico così che aumenta la permeabilità del capillare arterioso. L’accumulo di liquidi è extracellulare, ovvero avviene negli spazi tra le cellule. Il drenaggio del liquido garantisce l’allontanamento delle sostanze di rifiuto e l’apporto di sostanze nutritive; quando questa attività malfunziona si ha del ristagno e dunque la ritenzione idrica.


SOVRAPPESO

Controllare l’aumento di peso è il primo step per garantirsi una buona e sana gravidanza.

Un aumento di peso contenuto, ovvero 9-13 kili, consente di contrastare l’insorgere di ritenzione idrica, cellulite e smagliature. Laddove sia possibile, sarebbe consigliabile affrontare una nuova gravidanza già con un peso forma, ovvero perdendo prima i kili in eccesso.

IPOTONIA MUSCOLARE

Il controllo dell’aumento di peso e il mantenimento del tono muscolare tramite una consentita attività come passeggiate, nuoto per gestanti ecc…, consentono di prevenire la ptosi addominale (la famosa pancetta!) che affligge molte donne nel post parto e che in alcuni casi richiede un intervento di chirurgia per la sua eliminazione.

PELLE DISIDRATATA E PRURITO

Capita di frequente che, a partire dal 5° mese di gravidanza, si avverta del prurito all’addome. La causa è la secchezza della pelle e l’aumento di sudorazione che infastidiscono la parte. La pelle va mantenuta idratata fin dai primi momenti della gravidanza con olii e la detersione della parte deve avvenire con prodotti privi di tensioattivi.

TELEANGECTASIE altrimenti chiamati CAPILLARI

Si tratta di quei capillari di colore variabile dal rosso al rosso-blu che si trovano sul derma superficiale e profondo. Sono causati dall’indebolimento della parete dei vasi venosi provocato dagli estrogeni. In pratica si assiste ad una dilatazione permanente dei vasi sanguinei con stasi al microcircolo. In presenza di ritenzione idrica la problematica si aggrava. L’utilizzo di vaso protettori in gravidanza è fondamentale per chi ha predisposizione alla formazione di “capillari”, affinché venga migliorato il tono della parete del capillare venoso.



PROGRAMMA GRAVIDANZA: TRATTAMENTI (SOLUZIONE)

I miracoli non riusciamo ancora a farli noi uomini (anche se noi donne ogni tanto ci andiamo vicino!!!), però possiamo sfruttare ciò che l’estetica ci mette a disposizione per migliorare gli inestetismi del nostro corpo, conseguenza delle alterazioni ormonali in gravidanza.

Competenza e professionalità, alta qualità ed avanguardia dei prodotti, affidabilità ed esperienza degli operatori estetici, sono un mix per un cocktail di successo..

Gli inestetismi vengono attenuati, noi siamo più contente del nostro aspetto fisico, ci amiamo di più e dunque ci proponiamo verso gli altri con una positività che è notata e che catalizza la predisposizione di chi ci sta attorno.

Programmi mirati e studiati appositamente sulla persona, danno risultati soddisfacenti.

Il centro Be Unique si avvale della collaborazione dei migliori prodotti sul campo, per questo la scelta è ricaduta sulla Dermophisiologique che garantisce ottima qualità e programmi innovativi.

CELLULITE E TELEANGECTASIE

Sono opportuni trattamenti per normalizzare la circolazione venosa, linfatica e arteriosa.

Hanno il compito di stimolare il drenaggio e favorire l’ossigenazione dei tessuti. Ciò permette di mantenere sotto controllo l’edema e la ritenzione idrica (favoriti dall’azione di progesterone e prolattina) che sono i responsabili principali di cellulite edematosa.

Il microcircolo cutaneo viene tonificato, prevenendo così la formazione di teleangectasie (i capillari).

Utili sono i massaggi di linfodrenaggio.

SOVRAPPESO E SMAGLIATURE

Tramite trattamenti volti a ridurre l’adiposità localizzata, è possibile prevenire l’aumento di tessuto adiposo nelle zone “critiche”: addome, glutei, cosce.

Grazie a trattamenti elasticizzanti, emollienti e nutrienti si agisce idratando in profondità, favorendo la giusta microcircolazione cutanea e mantenendo tonica ed elastica la pelle, combattendo l’insorgere di smagliature.

IPOTONIA MUSCOLARE

Con trattamenti cutanei tonificanti viene mantenuta attiva la biorivitalizzazione del derma, favorendo la produzione di collagene e fibre elastiche. La tonicità della cute viene tenuta attiva da acido ialuronico, vitamine e sali minerali, andando a contrastare l’azione rilassante del progesterone.

IPOTONIA E SMAGLIATURE DEL SENO

Con trattamenti tonificanti, riepitelizzanti ed elasticizzanti si possono prevenire smagliature, atonie e rilassamento della cute.


PELLE DISIDRATATA, PRURITO E CLOASMA GRAVIDICO

I trattamenti riepitelizzanti protettivi dell’epidermide favoriscono il controllo della produzione di melanina, la cui azione sollecitata favorisce la formazione di cloasma gravidico (macchie sul viso). Da non trascurare l’utilizzo di una crema solare protettiva a fattore 50+ sia per l’esposizione al sole che durante passeggiate di routine.

BeUnique – Via M. Gonzaga n. 5, 20123 Milano Tel. e Fax 0239663676

www.beuniquemilano.it info@beuniquemilano.it

Leggi anche

Seguici