Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Carrelli della spesa sporchi, ricettacolo di batteri

Licia

di Mamma Licia

10 Marzo 2011

Tocchereste con le mani la tavoletta del wc di un bagno pubblico? Sicuramente, disgustate, avete risposto no. Eppure quando andate a fare la spesa afferrate tranquillamente la manopola del carrello senza porvi la stessa domanda.

Se vi state chiedendo il perché di questo “strano” accostamento, vi sarà utile sapere che dall’Università dell’Arizona arriva uno studio molto interessante sui posti frequentati da quei microrganismi che tanto temiamo di incontrare nei bagni pubblici.

Da uno studio condotto da un gruppo di microbiologi, infatti, è emerso che le manopole dei carrelli dei supermercati o degli aeroporti sono un vero e proprio ricettacolo di germi e batteri: nel 72% dei casi si tratta di batteri fecali e nel 50% di Escherichia coli, addirittura lo stesso batterio che provocherebbe numerosi infezioni gastro-intestinali, genito-urinarie e meningiti nel bambini.

Il gruppo di microbiologi, guidato dal professor Charles Gerba, ha anche analizzato vari altri “luoghi” che noi non penseremmo mai di associare ad un bagno pubblico, che nel nostro immaginario è il luogo più sporco che possa esserci.

I pulsanti degli ascensori, ad esempio, possono essere 40 volte più sporchi della tavoletta del wc di un bagno pubblico: in ogni centimetro quadrato di questo pulsante si trovano ben 313 colonie di batteri, contro le 8 stanate sulle tavolette del wc.

E la tastiera di un pc può anch’essa essere il luogo ideale dove germi e batteri si annidano indisturbati. Una delle cause è la pratica di mangiare in ufficio o di truccarsi sulla scrivania. I trucchi e le creme di bellezza sono, infatti, sostanze che finendo inevitabilmente sulla tastiera del pc intrappolano i microrganismi. Nella lista nera sono finiti anche gli accessori dei bagni di treni ed aerei ed i sedili dei mezzi pubblici.

Lo stesso gruppo di studiosi, però, frena da inutili allarmismi. Una soluzione c’è. Basta lavarsi (e lavare ai nostri bambini) più frequentemente le mani. Prima di mangiare, prima di toccare il cibo, prima di mettersi le mani vicino a bocca, naso, occhi. E ancora, quando si va a fare la spesa al supermercato sarebbe il caso, appena entrati, di indossare i guanti trasparenti usa e getta che sono dati in dotazione nel reparto di frutta e verdura e di disinfettare la manopola del carrello.

Leggi anche

Seguici