Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Papa Francesco Fa Ancora del Bene, Questa Volta Così…

Ecco perchè tutti parlano dello zuccotto del papa

Gioela Saga

di Gioela Saga

19 Settembre 2014

 papa francesco

Ha tutto il sapore di una bufala o una burla organizzata da giovani goliardici ma questa volta si tratta di un fatto reale e comprovabile.

Se volete aggiudicarvi “nientepopodimenoche” lo zucchetto, più conosciuto con il nome di “papalina”, indossata da Papa Francesco, vi basta avere tra le mani, per il momento, poco più di 100 mila euro per poterlo acquistare sul famoso sito d’aste E-bay.

papalina di Papa Francesco all'asta per beneficienza

Proprio così, si tratta di un’iniziativa di stampo benefico organizzata dalla trasmissione “Le Iene” che si fa portavoce di un progetto di sostegno economico dell’associazione umanitaria laica ed indipendente “Soleterre Onlus”. Questa associazione si propone di garantire i diritti inviolabili degli individui nelle “terre sole”.

Un inviato del programma di Italia 1, Damiano Caviadi, ha ricevuto, durante un’udienza pubblica, direttamente dalle mani di Papa Francesco, la papalina che ha scambiato con un’altra che gli porgeva l’inviato per farla benedire mentre era immerso nella folla. Durante il programma delle Iene è nata questa idea di poter “ricavare” qualcosa da donare ai meno fortunati.

Il ricavato dell’asta, che si protrarrà per sette giorni e si concluderà nella serata del 24 settembre, attiva in 168 paesi del mondo, sarà interamente devoluto per un progetto a Zongo.

In questo villaggio della Repubblica Democratica del Congo è attivo un ospedale, gestito da Suor Maria, appartenente alla Congregazione delle Figlie di San Giuseppe di Genoni, che garantisce visite specializzate a mamme e bambini per contrastare la mortalità infantile. E’ una persona eccezionale che ha fatto nascere più di 20 mila bambini assistendo poi loro e le loro mamme.

Le Iene mettono la papalina all'asta

Spesso si trova a dover gestire situazioni di emergenza con dotazioni mediche insufficienti e a salvare la vita di bambini, che nascono sofferenti, con la sola respirazione bocca a bocca. Qui un bambino su 5 non arriva al suo 5° compleanno e una persona su due è sieropositiva.

Oggi l’ospedale è anche centro di accoglienza e cura di profughi a causa della guerra nella vicina Repubblica Centrafricana, una zona dilaniata dalle guerre e dal dolore.

Per l’acquisto, tenete anche presente che la spedizione della papalina è gratuita e se il prodotto non vi soddisfa potrete restituirlo entro i fatidici 14 giorni!

Fonte: Le Iene

 

Leggi anche

Seguici