Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Maestre Assegnano a Scuola Tema Choc: Chi Uccidereste Prima tra Mamma e Papà?

Ecco il tema che ha indignato il web

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

22 Ottobre 2014

maestre torino tema choc

Da quando sono mamma, mi è capitato spesso di udire alcune persone, in particolar modo gli anziani,  che, rivolgendosi ai miei figli, proponevano loro una delle più vecchie e scontate domande:

“A chi vuoi più bene, a mamma o papà?”

Una domanda che ho sempre ritenuto essere tra le più odiose e diseducative… fino ad oggi.

Questo mio repentino cambio di pensiero è dovuto ai recenti fatti di cronaca che vedono come protagoniste due insegnanti della scuola primaria di Scarmagno, piccolo paese in provincia di Torino.

Da circa due giorni infatti sul web si parla in modo insistente del tema choc che le suddette maestre avrebbero proposto ai loro alunni di terza elementare, un tema che prevedeva il seguente interrogativo:

“Chi faresti morire prima tra tuo padre e tua madre?”.

La domanda così proposta potrebbe far pensare ad uno scherzo di qualche cybernauta buontempone ma, secondo le ricostruzioni fornite su alcune delle principali testate giornalistiche – Corriere, La Stampa, Il Secolo XIX – i fatti reali supererebbero di gran lunga la fantasia.

I fatti.

A denunciare le due donne i genitori degli alunni che, circa un anno fa, si sono rivolti ai carabinieri di Ivrea (TO)  dopo aver ascoltato gli scioccanti racconti dei propri figli.

Le insegnanti infatti avrebbero usato modi alquanto bruschi e privi di tatto, inusuali per un’educatrice, per affrontare delicate tematiche quali la morte e l’educazione sessuale.

maestre torino tema chocPer quanto concerne la prima, le maestre, rivolgendosi ai bambini, avrebbero detto loro Prima o poi papà e mamma moriranno, fatevene una ragione, soffrirete ma poi passerà, mentre la seconda tematica è stata trattata con frasi tipo Il sesso è quando i vostri papà si fermano per strada con le prostitute di colore”.

 

Una volta ottenuta l’autorizzazione ad installare delle telecamere nelle aule delle due insegnati, gli agenti hanno scoperto che le due donne si comportavano in modo ambiguo. Oltre a lanciare materiale scolastico di vario genere verso gli studenti, le stesse si facevano massaggiare da questi ultimi sul collo e sulle spalle ad intervalli di 10 minuti.

Attualmente sospese, grazie ad un provvedimento cautelativo preso dall’ Usr (Ufficio scolastico regionale) del Piemonte, attuato ieri mattina martedì 21 ottobre, le due maestre, di 58 e 60 anni, saranno ora sottoposte dal provveditorato ad un processo disciplinare in quanto, dopo aver vagliato i fatti, la procura di Ivrea ha archiviato il caso in quanto non vi sono gli estremi per un procedimento penale, senza però escludere provvedimenti di carattere disciplinare.

“Stiamo esaminando casi molto gravi sottolinea l’Usr – Se saranno accertati, l’Amministrazione interverrà in maniera decisa: episodi come questi non possono essere tollerati”.

Al momento, la “pena” prevista per le maestre è il licenziamento.

Leggi anche

Seguici