Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Imparare come si allatta con seni di lana fatti a maglia

Daniela

di Mamma Daniela

24 Marzo 2011

Quante di noi, dopo la nascita del  bambino , si sono rese conto di non avere idea di come fare per allattarlo? Purtroppo non sono cose che  insegnano a scuola, forse nei corsi pre-parto lo spiegano,ma con quante difficoltà, e quante sono poi riuscite a mettere in pratica ciò che hanno appreso teoricamente? Sappiamo bene che tra teoria e pratica c’è un’abisso.

Sono tra quelle che ha seguito il corso pre-parto, con grandi benefici, ma nel momento in cui mi hanno messo il bambino tra le braccia , ho pensato:

<< E ora che faccio?>>

Gira e rigira,strizza qua e strizza là, non c’era verso di attaccarlo e nessun parente a cui chiedere consigli. Presa dalla disperazione è bastato chiedere ad un infermiera, che molto gentilmente mi  ha mostrato come fare, prendendo il  seno e “strizzando nel verso giusto” … riuscendo nell’intento ma  suscitando dolore e imbarazzo. Sono certa che la situazione sopra citata  sia familiare a tante mamme alle prime armi . Ma a questo punto pongo una domanda: << Era necessario arrivare a questo? Non esiste un metodo meno traumatico? … Insomma si può imparare ad allattare prima di partorire, quando cioè il bambino è già nato e reclama il latte?>>

E ora voglio parlarvi di una donna, una nonnina  91enne di Birmingham,in  Gran Bretagna, la quale  ha usato la sua abilità nel lavorare a maglia,  per aiutare le neo-mamme che devono affrontare per la prima volta l’allattamento. Come? Creando dei seni di lana, di tante sfumature di colore e dimensioni differenti.

La nonna in questione è la signora Coral Charles-Dunne, che lavora a maglia da una vita, una vera e propria passione la sua, basta pensare che inizia alle 6 del mattino per terminare alle 24.

Ma perché creare dei seni di lana? Coral Charles-Dunne  fa  questi seni di maglia come strumento didattico per insegnare le tecniche di allattamento al seno, che come molte donne sapranno, non  è così semplice come sembrerebbe.

La proposta le è arrivata  da una volontaria conosciuta in chiesa, e lei,  che fa parte del circolo di maglia che si riunisce in chiesa ogni mese, dove crea abbigliamento per neonati pre-termine,  ha subito accettato senza nessun timore, nonostante all’inizio non capiva che aiuto potessero dare dei seni di lana alle neo-mamme.

Le sue creazioni invece si sono rivelate subito utilissime per insegnare alle donne come allattare al seno, tanto da ricevere un elogio ufficiale da parte delle autorità sanitarie inglesi ed essere distribuite gratuitamente in alcuni studi ostetrici. Infatti non aiutano solo le mamme, ma facilitano il lavoro anche alle ostetriche,le quali li utilizzano per mostrare  come si  estrae il latte, e a spiegare come far fronte a eventuali  difficoltà che le neo-mamme potrebbero incontrare durante l’allattamento.

Considerando che per ogni seno, Coral impiega 2 ore di lavoro,il suo è da ritenersi certamente un gesto nobile.

Leggi anche

Seguici