Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Tappetini per Bambini Modello Puzzle: Pericolo per la Salute e Cautele d’Uso

Tappetini gioco per bambini tutto ciò che c'è da sapere su quelli modello puzzle

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

26 Novembre 2014

tappetini puzzle per bambini

Conoscete tutti il giocattolo raffigurato nella foto qui in alto?

Questi morbidi e colorati tappetini componibili, dall’inconfondibile forma a puzzle, nel corso degli ultimi anni hanno letteralmente conquistato molti genitori.

Molto facile da montare, questo prodotto ha trovato veloce collocazione in molte casa dove vi sono dei bambini piccoli, soprattutto di coloro che hanno iniziato da poco a gattonare o a stare seduti da soli.

È cosa nota infatti che il bambino, pur piccolo che sia, deve essere lasciato libero di esplorare il mondo che lo circonda, una condizione che deve però essere effettuata in massima sicurezza.

Proprio per quest’ultimo motivo i tappetini puzzle sono considerati dai genitori un valido aiuto: sono antiscivolo, aderendo bene al pavimento evitano che il piccolo scivoli, sono morbidi, ragion per cui il bambino può gattonare in tutta tranquillità, e sono pratici, possono essere montati e smontati all’occorrenza.

Ma siamo davvero certi che siano così sicuri?

Alcuni anni fa il Ministero della Salute ha avviato un’indagine proprio su questo tipo di giocattolo, giungendo solo di recente alla conclusione che, al fine di tutelare i consumatori, i produttori sono tenuti a mettere ben in evidenza sull’etichetta la seguente dicitura:

“ATTENZIONE: DOPO L’APERTURA DELLA CONFEZIONE E PRIMA DI UTILIZZARE IL PRESENTE ARTICOLO, AREARE PER ALMENO 24 ORE”.

Perché tutto questo? Come si è giunti a tale soluzione?

Ecco i fatti convalidati attraverso documenti e atti ufficiali allegati in calce a questo articolo:

– il 17 dicembre del 2010 il Ministero della Salute dispone il ritiro cautelativo di alcuni modelli di tappetini Puzzle: si sospetta la presenza di formammide, sostanza che deriva dall’acido formico considerata potenzialmente cancerogena.

Tutti i prodotti ritirati vengono poi analizzati in laboratori accreditati sotto il controllo dei Carabinieri per la Sanità.

tappetini puzzle per bambini

– il 15 giugno del 2011 il Ministero della Salute pubblica sul proprio portale una nota dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità) che, nel frattempo, è impegnato a valutare i risultati delle analisi effettuate sui tappetini.

tappetini puzzle per bambini

tappetini puzzle per bambiniNella suddetta nota vengono forniti i dati sulla pericolosità della formammide (indicata con la sola sigla “F”) calcolati sulla base di diverse valutazioni di rischio – per via orale, inalatoria e cutanea – ed arrivando ad identificare un livello standard (che, come riporta la nota, si presenta come variabile in quanto è possibile considerare molti altri diversi fattori di valutazione) che ne determini il livello massimo di rischio.

Dopo aver descritto tecnicamente i risultati dei diversi test effettuati in laboratorio su diverse cavie, topi o ratti, la conclusione riportata nella succitata nota dell’ISS è:

La F è un cancerogeno Cat. 2 e un tossico per la riproduzione categoria 1 B. La sua presenza all’interno di giocattoli e prodotti utilizzabili dai bambini dovrebbe quindi essere oggetto di attenta valutazione.

La via di esposizione più rilevante rispetto alle condizioni d’uso dei tappetini puzzle è quella inalatoria, anche se l’esposizione orale può avere un ruolo, considerando l’abitudine dei bambini piccoli di portare alla bocca e succhiare/masticare oggetti (incluse parti del tappetino) e la accidentale ingestione di alcune piccole parti. L’esposizione per la via cutanea al momento sembra la meno rilevante, anche in considerazione di assenza di effetti topici.”

tappetini puzzle per bambini– il 26 novembre del 2013 il Ministero della Salute, attraverso il proprio sito, comunica “la riammissione al commercio dei tappetini con valori di formammide ritenuti ‘non rischiosi’ per la salute”, fornendo in allegato una tabella (la cui parte iniziale è raffigurata nella foto qui a lato – ndr) dove vengono riportati il nome della ditta che distribuisce il giocattolo, l’articolo analizzato e i valori di formammide riscontrati.

tappetini puzzle per bambini

Tuttavia, come detto in apertura di articolo, per garantire una miglior tutela della salute e sicurezza dei consumatori, il ministero ha richiesto che sull’etichetta di tali prodotti venga inserita la dicitura:

“ATTENZIONE: DOPO L’APERTURA DELLA CONFEZIONE E PRIMA DI UTILIZZARE IL PRESENTE ARTICOLO, AREARE PER ALMENO 24 ORE”.

Questo perché, come riportato nella nota dell’ISS, diversi e non verificabili sono i fattori di rischio che determinano la tossicità effettiva della F.

Per quanto concerne la valutazione di rischio per la via inalatoria infatti, sulla nota si legge:

Per condurre una valutazione del rischio appropriata sarebbe necessario disporre di dati di emissioni appropriati, ottenuti con metodologie sperimentali standardizzate o comunque di dimostrata affidabilità che permettano la misura di emissione in aria in modo da poter calcolare la reale esposizione di un bambino applicando gli scenari di esposizione più opportuni”.

Influisce quindi su tale valutazione:

  1. la cubatura della stanza dove sono posizionati i tappeti;
  2. il tempo di utilizzo del tappetino da parte del bambino;
  3. le ore di sonno che il piccolo effettua nella stanza ove è posizionato il tappetino.

Tutto ciò ci riporta al discorso sugli acquisti consapevoli e sulla massima attenzione che noi genitori dovremmo prestare nella lettura delle etichette.

Quest’ultimo particolare diventa ancor più importante al fine di evitare le truffe, imparando a distinguere in primis il marchio CE – che indica la conformità di un prodotto, segnalando che lo stesso rispetta i requisiti essenziali imposti dall’Unione Europea per la lor commercializzazione e utilizzo.

Non rari infatti i casi di contraffazioni del succitato marchio, come già spiegato nell’articolo intitolato

Il Marchio CE è Stato “Copiato”: Attenzione è una Truffa

dove viene spiegato ed illustrato come distinguere l’originale dal falso (clicca qui per leggere l’articolo sul marchio CE).

 

Per leggere l’informativa ministeriale del 20 dicembre 2010 cliccare qui.

Per leggere l’informativa ministeriale del 15 giugno 2011 cliccare qui.

Per leggere la nota dell’ISS inerente le valutazioni del livello di esposizione a formammide, cliccare qui.

Per leggere l’informativa ministeriale del 26 novembre 2013 cliccare qui.

Per leggere la tabella dei tappetini puzzle riammessi al commercio cliccare qui.

 

Leggi anche

Seguici