Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Un amore finito spezza il cuore e scatena un dolore fisico

di Dott. Giuliano Gaglione

30 Marzo 2011

Pene d’amore, botte sulla testa e scottature…uguale peso sul cervello

Ogni volta che soffriamo pene d’amore come essere lasciati, traditi, estremamente delusi, sentiamo la testa e il cuore che ci scoppiano, rasentando la follia. Riflettendo sulla tematica ho subito pensato ad un capolavoro della musica italiana: “Perdere l’amore” di Massimo Ranieri. La canzone nel suo testo recita : “…rischi di impazzire…può scoppiarti il cuore…perdere una donna e avere voglia di morire…; come non dare ragione all’artista partenopeo!

Ebbene, gli effetti cerebrali delle sofferenze amorose sono le stesse di un colpo sulla testa o di una scottatura: questo è quanto emerso da una ricerca condotta da Ethan Kross all’Università del Michigan, presso Ann Harbor, e pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences”.

In particolare una sofferenza per amore, così come un colpo sul cranio o una scottatura, attivano la corteccia secondaria somatosensoriale e l’insula dorsale posteriore, aree che fino ad ora erano solo connesse a stimoli di tipo fisico.

Per giungere a queste conclusioni gli studiosi hanno analizzato le reazioni emotive di 40 soggetti, i quali si erano sentiti abbandonati e traditi dai loro partners nei sei mesi precedenti.

Inizialmente questi volontari sono stati sottoposti ad un questionario in cui si analizzava il loro stato d’animo, successivamente sono stati sottoposti a RMN –Risonanza Magnetica Nucleare – e gli esperti hanno studiato quali reazioni cerebrali comportasse il ricordo dell’ex compagno/a del soggetto, anche attraverso l’utilizzo di una fotografia.

Nell’ultima fase dell’esperimento i soggetti sono stati sottoposti ad uno stimolo termico equivalente al toccare una tazza di caffè bollente.

In aggiunta, per confermare ulteriormente i risultati ottenuti, gli studiosi hanno messo a confronto i dati della loro ricerca con quelli di altri 500 studi i quali avevano analizzato le reazioni cerebrali a stimoli che causavano sia dolore fisico che emozioni.

L’utilità di questo studio consiste nell’aver conferito alla sofferenza amorosa anche delle conseguenze fisiche, in particolare gli esperti si augurano che tramite questa ricerca si possa dare un’ulteriore importanza di come l’esperienza di perdita possa causare disagio fisico e mentale.

Personalmente reputo questo argomento di assoluta importanza, lo definisco come un ulteriore modo per scavare fino al fondo il tema della sofferenza dovuta alla perdita.

Tuttavia quando ci si sente soli, traditi e abbandonati dal proprio partner, consiglio vivamente di non sforzare la mente a mettere in atto delle strategie utili ad una mera distrazione; è consigliabile trovare “una posizione comoda in questa situazione scomoda”, per tal motivo ritengo opportuno riflettere sulla storia appena finita, anche se farà un po’ male ed infine bisogna ricordare che la tecnica “chiodo schiaccia chiodo” serve fino ad un certo punto,è dalla scia e dall’insegnamento del passato che si possono costruire buone fondamenta per il proprio futuro.

Leggi anche

Seguici