Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Seggiolone per Bambini: Pericoli e Guida Pratica all’Uso in Sicurezza

Prima regola di sicurezza: Non lasciare mai soli i bambini nel seggiolone

Federica Federico

di Federica Federico

10 Febbraio 2015

highchair

I seggioloni per bambini sono provvisti di presidi di sicurezza essenziali per garantire l’incolumità dei piccoli, cinture e riduttori non sono optional ma elementi studiati e realizzati per garantire al bambino ed ai genitori la massima sicurezza d’uso.

Seggioloni per bambini 0 – 36 mesi o più, ecco perché è importante rispettare i limiti di età e allacciare le cinture di sicurezza seguendo le indicazioni consigliate sulla confezione e nel libretto illustrativo:

Il riduttore è un cuscino che, come la parola stessa suggerisce, riduce lo spazio della seduta abbracciando il bambino, tenendo conto dei limiti di età riportati sulle istruzioni del seggiolone (e variabili per marca e modello) è bene: 

  • non trascurare l’uso del riduttore;
  • orientare l’inclinazione della seduta in maniera che la posizione sia comoda e non forzata;
  • e agganciare sempre le cinture di sicurezza.

La seduta reclinabile, il riduttore e le cinture di sicurezza rappresentano gli elementi strutturali del seggiolone che, laddove adoperati appropriatamente, ne garantiscono un uso sicuro!

Nel rispetto delle norme di sicurezza (sempre indicate sulla confezione e nel libretto illustrativo), in base alle caratteristiche diverse dei differenti modelli, è possibile usare il seggiolone anche prima dei 6 mesi, ovvero prima del momento in cui il bambino riesce a mantenere una stabile posizione da seduto coadiuvata da una prima autosufficienza motoria nella coordinazione dei movimenti e, quindi, anche nella gestione della posizione seduta.

I bambini molto piccoli non solo non coordinano bene i loro movimenti ma non sanno nemmeno prevederne le conseguenze e in caso di pericolo non possono chiamarvi per chiedere aiuto, al massimo riescono a piangere. Sembra tautologico ricordare la fragilità dei bambini ma non lo è e non è inutile nemmeno ricordare che i bambini piccoli non vanno mai lasciti soli quando sono sul seggiolone

Dal Galles è arrivata una tragica notizia: 

un bambino, Edwin Vincent David Davies, di soli 15 mesi è morto mentre era solo sul suo seggiolone, è scivolato e la sua testa è rimasta incastrata tra il vassoio del seggiolone e il tavolo della cucina dinnanzi al quale il seggiolone era montato.

 

incidente domestico

Edwin Vincent David Davies, morto a 15 mesi per un tragico incidente domestico

La causa della morte è stata registrata come asfissia.

La mamma, un’infermiera professionale, ha ammesso di avere lasciato suo figlio solo per 15 minuti, questo breve lasso di tempo è bastato a spegnere una vita appena sbocciata.

La stampa internazionale che riporta la notizia non chiarisce in che modo il bambino fosse stato adagiato e lasciato sul seggiolone.

Tuttavia tragedie come queste debbono riportarci alla responsabilità di un uso corretto degli strumenti per la cura del bambino:

  • usate il seggiolone seguendo le istruzioni riportate sulla confezione e nell’opuscolo illustrativo;

  • scegliete un seggiolone con seduta reclinabile e se il bambino è molto piccolo, nei momenti diversi dalla pappa, orientate l’inclinazione dello schienale in modo tale da garantire al bebè una posizione stabile e confortevole;

  • utilizzate le cinture di sicurezza;

  • sinceratevi che il seggiolone abbia uno spartigambe, elemento non secondario poiché esso funge anche da freno in caso di tendenza a scivolare verso il basso, rappresentando, così, un sostegno alla posizione del bambino. 

    Nella foto qui sotto, per esempio, manca lo spartigambe e appare chiaro che il bambino potrebbe scivolare, ciò potrebbe avvenire nel gioco come nell’abbandono al sonno, in generale ogni qual volta il piccolo perda il controllo della posizione seduta (guarda foto)

spartigambe

Ricordate anche che  la sicurezza di un seggiolone dipende dalla sua stabilità nonché dalla qualità dei materiali:

  • se è dotato di ruote per essere stabile deve avere un sistema di freni che, una volta agganciati, limitino il movimento della struttura;

  • i materiali devono essere garantiti e le vernici atossiche;

  • per ragioni di igiene è preferibile che sia lavabile e che i rivestimenti dello schienale e della seduta siano in plastica nonché rimovibili.  

Il trauma fisico che ha dato luogo alla morte di Edwin si è consumato in soli 15 minuti, è possibile?

Janice, la mamma 36enne, è un’infermiera professionale ma non ha potuto salvare suo figlio:

la donna si era allontanata per aiutare suo marito, un contadino, nella gestione di alcuni capi di bestiame, aveva lasciato il figlio sul seggiolone, al suo ritorno il bambino era già privo di sensi.

Il piccolissimo corpo di Edwin era rimasto letteralmente “incastrato” tra il vassoio del seggiolone e la tavola della cucina, il capo bloccato ed il corpo privo di sostegno.

La famiglia vive in una  a comunità rurale a Southgate, Aberystwyth in Galles, i soccorsi sono arrivati dal cielo ma l’equipe dell’eliambulanza, che ha trasportato Edwin presso l’Ospedale Universitario del Galles,  combatteva già contro la morte.

Anche dopo l’atterraggio i medici hanno inutilmente tentato in ogni modo di non perdere Edwin, infine, non potendo fare più nulla per salvare la vita di questo bambino, ne hanno constatai il decesso per asfissia.

L’indagine giudiziaria ha rubricato il caso come un incidente domestico, una vera tragedia e le autorità hanno reso noto alla stampa che non vi sono circostanze sospette intorno a questa morte.

Il verdetto finale è quello di morte accidentale.

Fonte notizia:

www.mirror.co

Fonte foto del piccolo Edwin:

www.southwales-eveningpost.co

 

Leggi anche

Seguici