Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Fondazione per la Dieta Mediterranea, nasce a Palermo

DottAntonio

di Dott. Antonio Cretella

30 Aprile 2011

Nasce in Sicilia, a Palermo la Fondazione della Dieta Mediterranea.

Lo scopo è quello di divulgare e tutelare un regime alimentare sano e ricco, gustoso e salutare ancora poco conosciuto e poco praticato.

 

Legata al territorio in cui nasce, la Fondazione si propone di:

–          Allestire  una Fiera internazionale in Sicilia (con scadenza biennale). La kermesse enogastronomica sarà completamente dedicata alle materie prime della dieta mediterranea, con la partecipazione di tutte le regioni di Italia, nonché dei paesi del bacino del Mediterraneo.

–          Organizzare una banca dati capace di catalogare tutti i prodotti tradizionali.

–          Svolgere attività promozionali volte alla divulgazione della cultura del mangiar sano attraverso la “dieta mediterranea” ed a quest’uopo è prevista la pubblicazione di una rivista internazionale dedicata a questo prezioso regime alimentare.

–          Rivolgere la dovuta attenzione alla formazione grazie alla conduzione di master e corsi volti alla preparazione di tecnici, imprenditori e manager agro – alimentari.

 

Ma cos’è la dieta mediterranea?

Sempre più spesso si sente parlare della possibilità di arrivare in età avanzata in buone condizioni, ma per far si che questo avvenga è fondamentale adottare delle misure preventive, che prevedano innanzi tutto un’ alimentazione equilibrata, uno stile di vita sano e un po’ di moto.

La prima regola nella nostra alimentazione quotidiana, dovrebbe essere quella di evitare gli eccessi calorici  e variare tutti i giorni gli alimenti.

Ma qual è la dieta che fa bene alla nostra salute e al nostro cuore? Senza dubbio quella che prevede ogni giorno l’apporto di fibre vegetali, cereali integrali, frutta fresca e , come quota proteica, carni bianche e pesce.

La tipica dieta mediterranea, sia nella sua accezione greca che in quella italiana, fornisca una minore vulnerabilità alla sindrome metabolica. La dieta mediterranea infatti è in grado di esercitare effetti benefici sulla salute e farebbe anche particolarmente bene al cuore, in quanto prevalentemente costituita da alimenti con azione antiossidante come vitamine C ed E, oltre che ricca di fibre e povera di zuccheri raffinati. Per prevenire e combattere le malattie cardiovascolari è indispensabile innanzitutto ridurre il consumo di sale e di grassi, che  concorrono all’aumento della pressione arteriosa e della ritenzione idrica. Gli alcolici in generale sono da evitare fatta eccezione per un piccolo bicchiere di vino rosso al giorno.

La dieta mediterranea inoltre è in grado di ridurre notevolmente il rischio di avere un aumento del colesterolo totale o di arrivare all’obesità, con conseguenze positive non solo sulla bilancia ma anche sul cuore. Questo perché prevede il consumo quotidiano di almeno cinque porzioni tra frutta e verdura. Tra le verdure preferire soprattutto peperoni, cavoli, broccoli e spinaci mentre per la frutta, scegliere sempre quella di stagione, preferendo quella ricca di fibre e povera di zuccheri come mele, arance, fragole e kiwi.

Non possono mancare nella dieta salva cuore i legumi: fagioli,ceci,lenticchie, soia, sono ricchissimi di fibre lunghe che conferiscono loro un’azione anticolesterolo. Al consumo di carne è importante alternare il pesce con almeno due porzioni settimanali. In particolare salmone, sardine e aringhe che contengono acidi grassi omega 3, che aiutano a eliminare i depositi di grasso nelle arterie, riducendo così il ritmo della frequenza cardiaca.

La dieta mediterranea è quindi un ottimo rimedio contro l’invecchiamento, infatti è stato osservato statisticamente che nelle nazioni in cui viene seguita abitualmente, l’età media raggiunta dalle persone è decisamente più alta rispetto a soli 15 anni fa. In tutto questo gioca un ruolo molto importante anche il consumo abituale di olio extravergine di oliva . Infatti bastano solamente  due cucchiai al giorno per favorire la riduzione  del colesterolo cattivo (LDL) e aumentare i livelli di antiossidanti, in particolare dei fenoli nel sangue.

La dieta mediterranea, non ci vieta neppure di concederci dei peccati di gola, pur che si tratti di cioccolato fondente( non più di 25 g al giorno) i cui potenti flavonoidi, che ritroviamo anche nel thè e nel vino rosso, contribuiscono a mantenere sano il cuore.

Insomma, il modo migliore per stare in salute e avere anche benefici sulla linea, non è seguire una super dieta che punti sui divieti, ma sfruttare al massimo le qualità positive di alcuni cibi, cioè seguire la tipica dieta mediterranea.

 

 

 

Leggi anche

Seguici