Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Rispettare la natura: Giornata Mondiale della Biodiversità

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

23 Maggio 2011

Nel 1993 le Nazioni Unite hanno istituito la Giornata Mondiale della Biodiversità in modo da poter festeggiare, onorare e ricordare in tutto il mondo che il nostro Pianeta è caratterizzato da tantissime “diversità biologiche” alcune delle quali sempre più a rischio. In principio questa giornata veniva celebrata il 29 dicembre in concomitanza con l’entrata in vigore della Convenzione sulla Diversità Biologica ma, nel 2000, è stata spostata, per l’appunto, al 22 maggio (giorno in cui si commemora l’adozione del testo condiviso della Convenzione) ritenuto da molti paesi un giorno più consono per questa commemorazione, dato che la data precendente coincideva con le molte festività di quel periodo.

Il tema su cui si basa l’evento varia a seconda dell’anno (ad esempio nel 2004 si celebrava il cibo, l’acqua e la salute per tutti, nel 2008 l’agricoltura) e, siccome quest’anno è l’ Anno Internazionale delle Foreste, il 2011 avrà come tema la biodiversità delle foreste considerate i polmoni della Terra.

Questi polmoni infatti rischiano di scomparire a causa delle deforestazioni che creano mutamenti nell’ecosistema e a tale proposito il WWF si sta battendo con la proposta Obiettivo Zero Deforestazione cercando di proteggere la qualità e sopratutto la varietà di specie delle foreste.

Tante le iniziative proposte in tutto il mondo unitamente alla celebrazione di questa giornata prima fra tutte la Festa delle Oasi organizzata proprio dal WWF che continua a prodigarsi per la salvaguardia di ogni essere animale e vegetale del nostro Pianeta.

L’associazione infatti, nella giornata appena trascorsa, ha aperto gratuitamente al pubblico le porte di100 aree protette lungo tutta la nostra penisola organizzando tante iniziative per la famiglia.

Il WWF ha condotto gli ospiti in esplorazioni dei boschi, per scoprire, conoscere e fotografare ogni tipo di flora e fauna, liberare tartarughe marine e rapaci. E’stato possibile acquistare cibo dai mercatini biologici e consumarlo in pic-nic all’aria aperta mentre si godeva uno spettacolo o concerto di musiche tradizionali.

Queste iniziative servono a contribuire alla salvaguardia della natura grazie al progetto “Una nuova oasi per te”, una raccolta fondi che mira al salvataggio di tre boschi:  i Boschi di Marzagaglia in Puglia, un’area prossima alla Riserva naturale di Valpredina, sulle Prealpi vicino Bergamo e il bosco umido di Foce dell’Arrone, nel Lazio.

Non ci resta che festeggiare anche noi imparando ad apprezzare e rispettare tutto ciò che abbiamo intorno e facendoci carico della sua crescita anziché della sua distruzione.

 

Leggi anche

Seguici