Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Folignano neonato scomparso, sarebbe morto continuano le ricerche

Daniela

di Mamma Daniela

21 Luglio 2011

Folignano, sarebbe morto il neonato scomparso.
La madre  dice : “Mi è scivolato dalle mani”.

I  genitori del neonato di Folignano (Ascoli Piceno) scomparso da alcuni giorni sono stati fermati dai carabinieri di Ascoli stamattina all’alba. La madre di 24 anni, Katia Reginella, ora dice che il figlioletto è morto in  seguito a una caduta accidentale e  di averlo  seppellito in un bosco nelle vicinanze .  In quel bosco   si sono concentrate le ricerche del piccolo, ma senza esito, e in verità la morte del neonato non viene ancora data per certa.

Si  aggiunge così un altro giallo a Folignano, lo stesso paese in cui abitava Melania Rea, la donna che secondo l’accusa sarebbe stata uccisa dal marito Salvatore Parolisi. Ed è  sempre qui, nella frazione di Piane di Morro, che vive Katia Reginella.

La storia di questa famiglia appare drammatica, lei giovane  mamma, il marito un operaio trentenne,  incensurati, che hanno avuto già due bambini, un maschietto e una femminuccia,  che ora hanno 3 e 5 anni, nati sani , oggi invece sarebbero misteriosamente  portatori di handicap, uno con  problemi di vista,un ritardo linguistico e cognitivo, l’altro è in una sedia a rotelle.

Secondo la versione dei genitori, il primo bambino scivolò mentre faceva il bagnetto, la bambina invece a causa di  un problema congenito ha  un ritardo cognitivo.

A suo tempo vennero anche aperte due inchieste per capire cosa accadde ai due bambini, per  accertare eventuali maltrattamenti, ma vennero archiviate poiché non emersero responsabilità  a carico della coppia.  Si parlava più che altro di trascuratezza della mamma descritta come una donna immatura. Nonostante tutto i  bambini vennero sottratti alla patria potestà dei genitori e dati in affidamento.

Il 9 maggio scorso la donna ha avuto  il terzo bambino, così i servizi sociali saputo  che la coppia aveva avuto un altro figlio, si sono recati una prima volta in visita e hanno trovato in effetti il neonato, ma la seconda volta  il bambino era scomparso e i genitori non hanno saputo  dire  dove si trovasse. Però  il piccolo ormai non si trova più da una ventina di giorni, e i genitori  non ne hanno mai denunciato la scomparsa. Così  i Servizi sociali del Comune di residenza si sono subito messi in moto e hanno denunciato la cosa alla Procura della Repubblica.

I carabinieri hanno immediatamente  avviato le ricerche, perquisendo  la casa della coppia ma senza nessun risultato, nessun esito neppure nell’abitazione dei parenti della coppia, in Abruzzo, regione da cui provengono.

Ieri, attraverso il loro legale, l’avv. Francesco Ciabattoni, i genitori hanno assicurato che il piccolo sta bene, e che lo avrebbero  nascosto  perché temevano che il Tribunale dei minorenni  togliesse loro la potestà genitoriale, e lo avrebbero mostrato solo se avessero avuto la certezza che non venisse loro tolto, come gli altri due.

Infine ieri sera  la svolta, la donna confessa che il bambino è morto, per un incidente domestico,  secondo la sua versione lo teneva in braccio e le è caduto, battendo la testa , e ha così indicato il luogo in cui lo avrebbe seppellito.

In realtà,  quando è  stata portata in caserma per essere interrogata, la giovane mamma avrebbe rilasciato più versioni,  indicato più luoghi, infine  avrebbe detto anche di aver lasciato il bimbo sul ciglio della strada. Con questi presupposti è chiaro che la donna  non viene giudicata attendibile, ma del  neonato e di ciò che è successo non si sa nulla e si nutrono grossi timori visti i maltrattamenti probabilmente subiti dagli altri due figli .

Leggi anche

Seguici