Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Come Faccio a Rimanere Incinta

Per rimanere incinta è indispensabile conoscere l'ovulazione e monitorarla con attenzione, anche nelle sue fisiologiche manifestazioni fisiche come il muco.

Federica Federico

di Federica Federico

11 Gennaio 2017

“Come faccio a rimanere incinta?”

E’ questa la domanda di tutte le aspiranti mamme, sopratutto se da qualche mese cercano una cicogna che ancora non vola nella loro direzione.

Per rimanere incinta è necessario avere un rapporto completo nel momento dell’ovulazione.

In assenza di problemi di fertilità,  legati alla salute e alla vitalità del liquido seminale maschile o alla salute dell’ovaio femminile, per procreare è necessario che l’ovulo venga fecondato dal semino destinato a divenire bebè.

L’ovulazione è il primo passaggio verso la maternità, con il rapporto completo nel giorno propizio si rende possibile prima la fecondazione e poi l’impianto.

rimanere incinta ovulazione

L’ovulazione si realizza attraverso più fasi: lo sviluppo dell’ovolo e il rilascio di un uovo segnano i momenti fondamentali all’interno del cosiddetto periodo fertile di una donna.

 

Il periodo fertile cade fisiologicamente nell’arco dei giorni ricompresi tra un ciclo mestruale e un’altro.

Di solito i giorni giusti per rimanere incinta sono quelli immediatamente precedenti e immediatamente successivi al 14esimo giorno su un ciclo mestruale di 28 giorni.

Attenzione: non tutte le donne sono feconde tra il 12esimo e il 17esimo giorno del ciclo. In base alla fisiologia soggettiva di ogni donna, l’ovulazione può anche essere anticipata o ritardata.

 

Esistono efficaci stick per la “misurazione domestica” dell’ovulazione. Comunemente basta seguire le istruzioni per calcolare i giorni fertili a casa e attraverso le urine.

 

QUI il link per un acquisto discreto degli stick per il calcolo dell’ovulazione.

 

Esistono anche applicazioni da scaricare sul cellulare che forniscono alla donna un calendario capace anche di indicare i giorni propizi per rimanere incinta.

La differenza tra gli stick e le app sta nel fatto che le seconde si basano solo su calcoli statistici mentre gli stick hanno il valore di un “esame diagnostico” delle urine, per quanto detta diagnosi resti casalinga.

Se vuoi rimanere incinta, per individuare i tuoi giorni fertili puoi osservare alcune manifestazioni del tuo corpo:

durante l’ovulazione, la donna secerne muco cervicale, infatti, è facile trovare sullo slip del muco di colore bianco o biancastro. Il muco cervicale ha un aspetto e una consistenza inequivocabili: estendendolo tra le dita di una mano appare elastico e filamentoso.

rimanere incinta ovulazione

“Come faccio a sapere se sono rimasta incinta?”

Questa domanda ricorre, invece, nell’attesa delle cosiddette “rosse” (ovvero nell’attesa del ciclo) quando le aspiranti mamme, tentando una gravidanza, praticano rapporti completi.

 

E’ bene sapere che è del tutto non proficuo, oltre che stressante, tentare test di gravidanza casalinghi prima dell’effettivo ritardo mestruale. Il rischio che si corre è quello di un falso negativo. L’ intero processo che va dalla fecondazione all’impianto, a fronte del quale l’ormone della gravidanza si sviluppa e diviene leggibile nei test, dura diversi giorni.

Per ottenere un risultato presumibilmente certo, è consigliabile effettuare il test di gravidanza dopo almeno 5 giorni di ritardo.

Leggi anche

Seguici