Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Muore bambina di 5 anni schiacciata da una statua di ghisa in un centro commerciale

di Mamma Elisa

22 Settembre 2011

Muore a Città San Angelo a pochi km da Pescara una bambina di soli 5 anni schiacciata da una statua di ghisa presente nella piazzetta di un outlet.

La bambina si chiamava Catherine e accompagnata dalla mamma e dalla nonna stava giocando con la sorella maggiore nella piazzetta di questo outlet dove sono presenti diverse statue di ghisa.

A quanto pare le due sorelle per gioco stavano  arrampicandosi su queste statue,ma ad un certo punto è avvenuta la tragedia perché una delle opere  è crollata addosso alle bambine schiacciando il cranio della più piccola,mentre la sorella grande è rimasta illesa.

Inutili sono stati i soccorsi, la piccola Catherine è morta per un trauma cranico.

Secondo gli operatori del 118 la statua non era fissata al piedistallo e secondo alcuni testimoni nei giorni passati era stata spostata per una manifestazione di bellezza.

I carabinieri di quella zona hanno sequestrato l’ala dell’outlet dove è avvenuta la tragedia.

Purtroppo ancora un’altra vita è stata spezzata di chi sarà la colpa? Questo fatidico incidente si sarebbe potuto evitare?

Certamente se quella statua fosse stata “sicura” Catherine sarebbe ancora con noi.

Come si può lasciare una statua così pesante  in un luogo pubblico dove vanno e vengono tanti bambini senza essere stata fissata in modo adeguato e sicuro?

Si sa che i bambini sono imprevedibili come non si è potuto pensare a questo?

In Italia sono ancora troppi gli incidenti che accadono per la poca sicurezza, tantissime sono ancora le morti bianche, nei cantieri muoiono ancora molti uomini perché non vengono messe in atto le norme di sicurezza, nei parchi, sulle strade, addirittura negli outlet.

Se facessimo un po’ più di attenzione, se si lavorasse come si dovrebbe, se ognuno mettesse sempre tutta la propria professionalità in tutto quello che fa, si vivrebbe meglio e questi incidenti sicuramente non accadrebbero.

 

 

 

Leggi anche

Seguici