Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Neogenitori Adottivi, il Progetto “Sei Arrivato Tu”

Il progetto "Sei arrivato tu" per i genitori adottivi

Gioela Saga

di Gioela Saga

16 Marzo 2017

Come quando i genitori naturali seguono dei corsi pre parto, anche i neogenitori adottivi possono vivere momenti di formazione importante per scoprire il loro nuovo ruolo, comprenderlo e stabilire nuovi equilibri con il bambino prima che arrivi o immediatamente dopo.

 

Quello della genitorialità adottiva è un percorso che si impara cammin facendo ma che può necessitare di un imput iniziale importante, un sostegno che possa proiettare la nuova famiglia in un clima di accoglienza più sereno.

Neogenitori adottivi, un progetto da condividere: “Sei arrivato tu”

neogenitori adottivi progetto

L’Associazione “Attivalamente… e il corpo” la Cooperativa Sociale della Pallacorda, con il Patrocinio del Comune di Novara e il sostegno finanziario della Fondazione De Agostini promuovono un nuovo progetto proprio per i neogenitori adottivi.

 

L’intenzione di sostenere le nuove famiglie adottive c’è ormai da oltre dieci anni e “Sei arrivato tu” è un progetto biennale che vedrà il coinvolgimento di una ventina di famiglie adottive.

 

Quando sta per arrivare il bambino, i neogenitori adottivi vivono un momento di grande fragilità emotiva che ha bisogno di supporto e formazione adeguati.

 

Il bambino, da parte sua, ha bisogno di protezione, tenerezza ed inclusione, un clima che viene a crearsi mirabilmente con l’ausilio di un’esperienza condivisa di gioco corporeo capace di valorizzare l’esperienza dei sensi.

 

 

L’intento è quello di sviluppare un solido legame armonico  sviluppo armonico tra genitore e figlio per prevenire i rischi dei fallimenti adottivi.

neogenitori adottivi progetto

Neogenitori adottivi, l’idrochinesiologia per accogliere il bambino adottato

L’acqua viene visto come il mezzo d’elezione per poter creare momenti ludici che possano far legare bambino e neogenitori adottivi, facilita la relazione perché consente di esprimersi con spontaneità, di sviluppare sentimenti di fiducia e sicurezza e di comunicare attraverso il corpo le proprie emozioni ecco perché si sceglie l’idrochinesiologia come mezzo di intervento.

 

Il progetto verrà presentato il 18 marzo 2017 alle ore 17.00 presso il Centro Inacqua Alcarotti di Novara e sono invitate a partecipare le famiglie in attesa di abbinamento e quelle che hanno già accolto da pochi mesi un bimbo fino ai 6 anni.

“Sei arrivato tu” accompagna le famiglie dei neogenitori adottivi in tre fasi diverse:

 

– La presa in carico per preparare le condizioni iniziali rispetto all’esperienza in acqua e costruire un percorso funzionale alle caratteristiche del nucleo familiare;

 

– La fase dell’esperienza diretta in acqua in una vasca e in uno spazio a misura di bambino;

 

– La fase conclusiva che prevede un incontro di restituzione dell’esperienza in acqua.

 

Seguirà anche un incontro finale di valutazione e raccolta dati relativi all’esperienza.

neogenitori adottivi progetto

La Fondazione De Agostini, fondata ben 110 anni fa, è sempre stata fortemente radicata sul territorio ma opera anche in ambito internazionale, è principalmente impegnata in campo sociale nella difesa delle categorie più deboli.

 

Il progetto “Sei arrivato tu” nasce dalla collaborazione tra l’Associazione “Attivalamente… e il corpo” e la Cooperativa Sociale della Pallacorda che eroga, non a scopo di lucro, servizi qualificati alla persona, in ambito socio-educativo e socio-sanitario.

 

 Adozione: Consigli Utili per le Mamme

 

L’associazione “Attivalamente… e il corpo”, invece, è una APS (Associazione di Promozione Sociale) che prende vita dall’idea di offrire servizi professionali a costi accessibili, con l’attivazione di azioni a sostegno del superamento delle difficoltà scolastiche e relazionali e, nello specifico, da una decina di anni, offre servizi alle famiglie adottive con attività di sostegno e prevenzione ai rischi di fallimento.

 

Un’iniziativa pregevole che mette i neogenitori adottivi su un piano di fruizione che li vede coinvolti in prima battuta insieme ai loro bambini, per costruire un futuro solido e stabile dal punto di vista delle relazioni.

 

Leggi anche

Seguici