Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Una mela per la vita: l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla in piazza 8 e 9 ottobre

Simona

di Mamma Simona

08 Ottobre 2011

 

UNA MELA PER LA VITA

L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) predispone in 3mila piazze d’Italia i suoi banchetti nei giorni 8 e 9 di ottobre promuovendo la manifestazione “Una mela per la vita, in collaborazione con Unione di Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli d’Europa col sostegno de l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Scopo dell’evento è la raccolta di fondi tramite la vendita di sacchetti di mele, l’intero ricavato andrà a sostegno della ricerca.

Promotore d’eccezione sarà per questa diciassettesima edizione, il cantautore Roberto Vecchioni.

4 milioni di mele emiliano-romagnole saranno a disposizione degli acquirenti che volessero partecipare a sostegno della campagna; 10mila volontari aiuteranno nella distribuzione affiancati dall’Associazione Nazionale Bersaglieri e l’Associazione Nazionale Carabinieri, l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco, l’ Associazione Nazionale del Fante, la Protezione Civile.

Soffrono di sclerosi multipla circa 63mila persona in Italia, la metà sono giovani che scoprono di essere ammalati tra i 20 e i 30 anni.

In Italia ogni 4 ore una persona scopre di avere la sclerosi multipla.

La malattia invalida il sistema nervoso centrale, creando disturbi nel movimento, nella vista, nell’equilibrio con variabili diverse da persona a persona.

I fondi raccolti stanzieranno progetti indirizzati al miglioramento dello stile di vita dei soggetti affetti da SM.

Sul sito www.aism.it potete individuare la piazza più vicina alla vostra abitazione!

Per chi lo desiderasse, è attivo dal 26 settembre e fino al 16 ottobre 2011 il servizio di donazione di 2 euro inviando un sms al numero 45508 dai cellulari privati TIM, VODAFONE, WIND, 3, Poste Mobile e COOPVOCE. Chi volesse donare dal telefono fisso (2 o 5 euro), può farlo chiamando lo stesso numero, se utente TELECOM ITALIA, INFOSTRADA e FASTWEB.

Leggi anche

Seguici