Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Aborto, tecniche abortive: nascita parziale

Angelica

di Mamma Angelica

28 Giugno 2010

Cos’è la nascita parziale?
In cosa consiste?

E’ un metodo abortivo tardivo, si usa dal 4° al 9° mese di gravidanza ed è praticato negli Stati Uniti.
La preparazione inizia un paio di giorni prima con la dilatazione meccanica del collo dell’utero che può essere anche effettuata con la Laminaria digitata (un alga bruna diffusa nelle acque oceaniche).
Ottenuta la dilatazione il medico,guidato dagli ultrasuoni ,afferra la gambe del bambino col forcipe in modo da estrarre tutto il corpo,tranne la testa.
Con le forbici perfora il cranio all’altezza del foro occipitale nel quale viene inserito un aspiratore che risucchia completamente il cervello del bambino uccidendolo.
A questo punto il bambino viene completamente rimosso dal ventre materno.

Questo metodo ,trova le sue radici in motivi legali:
il termine “persona”,così come inteso dal 14°emendamento della Costituzione Americana ,non è applicabile ad un bambino non nato. Inoltre secondo le leggi di diversi Stati americani,nel momento in cui il bambino esce dall’utero e manifesta segni vitali è da considerarsi persona giuridica,perciò privarlo della vita equivale a commettere un omicidio. Di contro, legalmente non si incorre in omicidio laddove la vita del piccolo viene fermata mentre è ancora  nel grembo materno anche se solo parzialmente – nel caso di specie il medico ha estratto tutto il corpicino e unicamente la testa non è ancora uscita dall’utero della donna.

Durante le ultime elezioni il presidente Obama ha promesso che fra i suoi provvedimenti ci sarebbe stato il “Freedom of choice act”,ossia una proposta di legge capace di dare alle donne la massima libertà sull’aborto. In quest’ottica di piena libertà la proposta citata farebbe cadere la legge del 2003 sull’aborto a nascita parziale, con la quale furono bandite le tecniche abortiste di bambini parzialmente fuori dal grembo materno.

Personalmente ritengo questa pratica una barbarie, la prima volta che ne ho sentito parlare credevo non fosse vero, ma poi documentandomi ho visto che non c’è fine agli orrori di cui il genere umano è capace.
Ho sempre pensato di avere una mentalità abbastanza aperta, non sono contro l’aborto, anche se dopo aver visto in cosa consiste non lo praticherei mai, e non mi permetto di giudicare chi lo pratica, però sinceramente non capisco perché portare avanti una gravidanza per 6-9 mesi per poi fare aspirare il cervello del proprio bambino….

Leggi anche

Seguici