Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Fulmini e tuoni: cosa fare in caso di temporali, consigli pratici

di Mamma Annamaria

14 Ottobre 2011

I fulmini: conoscerli per evitarli.

Ecco puntuali  arrivare con la fine della stagione calda  le prime piogge, i primi temporali e con essi i primi fulmini.

Anche se a qualcuno piace la stagione fredda, restare al caldo sul divano a guardare un bel film mentre fuori l’acqua bagna i vetri, a pochi piacciono i fulmini.

Ma cosa sono? Conosciamo veramente la loro pericolosità? Come cercare di prevenire i danni? Cosa è importante sapere sui fulmini?

Cerchiamo di conoscere un po’ meglio questo  evento che spaventa un po’ tutti ecapire  come prevenirne danni a persone e cose.

Cosa sono i fulmini? Da cosa sono generati? Il fulmine è una scarica elettrica che si manifesta  nell’atmosfera attraverso  una luce, comunemente conosciuta con il nome di lampo e con il rumore, detto tuono. Il vapore presente all’interno delle nuvole  sale  e produce le particelle di  ghiaccio che formano delle cariche negative nella parte più bassa della nube stessa riversando a terra della polarità positiva che causa una forte scarica dell’energia presente  sulla stessa. Vi è il fulmine quando le particelle negative delle nuvole entrano in contatto con quelle positive della terra. Il fulmine può verificarsi tra una nuvola temporalesca e suolo, tra nube e nube oppure tra due punti di una stessa nube. Quindi il fulmine nasce all’interno della nube.

Qual è la differenza tra fulmine, lampo e tuono?

Il lampo è la luminosità prodotta dal fulmine stesso. Ha la caratteristica di verificarsi  attraverso una luce intensa e di breve durata con una forma ramificata e sinuosa.

Il tuono è il rumore, il rimbombo che sussegue il lampo.

Il lampo e il tuono da noi non vengono percepiti allo stesso momento, ma in momenti separati perché si propagano ad una diversa velocità: il lampo ( cioè la luce) viaggia ad una velocità di 300.000 Km/s, mentre il tono ( cioè il rumore) ha una velocità di 340 metri al secondo circa e quindi avvertiremo tre secondi di distanza per ogni Km di distanza dal fulmine stesso.

La caduta di un fulmine può essere molto pericolosa e provocare danni a cosa oppure a persone.

I danni più gravi sono determinati dalla fulminazione diretta, che può provocare anche la morte. – sostiene il Dottor Milazzo Pediatra del Direttivo SIPPS Sicilia – Se la corrente passa per il cuore, si può determinare un arresto cardiaco; se passa per i centri respiratori, un arresto della respirazione. Danni minori possono consistere in paralisi, amnesie, perdita della coscienza, danni all’udito, danni indiretti, causati da incendi o crolli.”

Come bisogna comportarsi in caso di temporali? E come difenderci dai fulmini?

E’ bene ricordare che ogni cosa  di un elevata altezza può attirare i fulmini, come alberi, edifici alti, tubi metallici, camini in quanto possono essere bersagli di fulmini durante un forte temporale.

Che precauzioni possiamo adottare? In base alle circostanze, al luogo in cui ci troviamo è bene  adottare un determinato comportamento.

In casa possiamo stare assolutamente tranquilli se abbiamo un impianto elettrico a norma e se stacchiamo cavi dell’antenna e prese elettriche, come quelle delle televisioni, dei computer o degli sterei e degli elettrodomestici. Evitiamo di parlare  con il telefono di casa perché  la carica elettrica del fulmine potrebbe propagarsi attraverso il cavo telefonico, e di fare il bagno (l’acqua è un buon conduttore  di energia elettrica). Inoltre  è buona abitudine anche stare lontani dai camini.

Se siamo all’aperto e abbiamo dimenticato a casa o in auto l’ombrello evitiamo di ripararci sotto un albero o vicino a qualche oggetto o struttura che il vento possa farci crollare addosso, come ad esempio pali della luce, grondaie o oggetti sospesi. Sarebbe il caso di trovare un posto coperto dove ripararci e  stare lontani dia oggetti metallici  e appuntiti (anche l’ombrello in caso di forti fulmini può essere pericoloso)

Forti temporali possono avvenire anche mentre si è al mare o al lago e a questo punto è meglio uscire fuori dall’acqua e restarci lontani perché l’acqua è un buon conduttore di energia elettrica. Se non si riesce a trovare un posto riparato nel più breve tempo possibile  è meglio accovacciarsi, restare rannicchiati e stare lontani anche in questo caso da oggetti metallici e appuntiti.

Se siete in campeggio allora è meglio abbandonare la  tenda, se invece siete in camper o nella roulotte potete stare sereni perché sono posti sicuri. Auto, roulotte, treni e funivie sono tutti posti sicuri in quanto sono  come delle gabbie metalliche che scaricano l’energia elettrica del fulmine sulle gomme “Gabbia di Faraday”, ma attenzione però a toccare lo stereo dell’auto e tutte le parti in metallo del veicolo.

Gli aerei di solito volano al di sopra delle nubi durante i temporali.

Se siete in gita in barca e il temporale ha l’intenzione di rovinarvela vi conviene attraccare al porto più vicino oppure andare al largo perché di solito le zone interessate dai fulmini sono circoscritte. Comunque  stare lontani dall’albero maestro è anche una buona norma comportamentale per evitare danni  in caso di caduta di fulmine proprio su di esso.

Caro fulmine adesso che  ti conosco, so tutto di te, ti evito!!!

Leggi anche

Seguici