Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Come hanno detto ad Antonietta della morte delle figlie

Ecco come hanno detto ad Antonietta della morte delle figlie: non può parlare perchè ha il volto ancora fasciato, annuisce con il capo e batte le palpebre.

Federica Federico

di Federica Federico

11 Marzo 2018

Ecco come hanno detto ad Antonietta della morte delle figlie:

 

dopo 8 giorni di profonda sedazione farmacologica la mamma di Alessia e Martina ha riaperto gli occhi ed è tornata pian piano cosciente. Sono stati i medici a svelare alla mamma il vero dramma della strage di Latina ovvero la morte delle bimbe.

 

Quando Antonietta è tornata pienamente cosciente ha trovato intorno a sé una delle sue due sorelle col marito, il fratello e tre medici: due psicologhe e un anestesista. Non può parlare ma muove gli occhi e riesce ad annuire.

 

Ecco come hanno detto ad Antonietta della morte delle figlie: non può parlare perchè ha il volto ancora fasciato, annuisce con il capo e batte le palpebre.

 

Come hanno detto ad Antonietta della morte delle figlie: l’amara verità è stata svelata alla donna da una psicologa del San Camillo di Roma

 

Tutto è accaduto in quel letto d’ospedale dove la mamma è stata costretta dalle ferite riportate nell’aggressione del 28 febbraio.

 

Antonietta in un primo momento non ricordava nulla della mattina della strage di Cisterna ma i medici avevano messo in conto una simile amnesia; grazie al racconto pacato dei dottori, la donna ha ricostruito pian piano gli eventi.

 

Il canale comunicativo che è stato stabilito con Antonietta è visivo: quando la donna comprende ciò che le viene detto fa sì con la testa o batte le palpebre. Questo sarà il suo modo di interloquire sin quando avrà la mandibola bloccata.

 

In un primo momento i medici le hanno chiarito il suo stato clinico, e i motivi per cui ancora non può parlare. Le hanno spiegato che è stata ferita in tre punti del corpo e che ha dovuto subire un intervento maxillo facciale per cui la sua mandibola è ancora bloccata da un bendaggio. Le è stato detto che ha dormito per 8 giorni.

 

La sorella e il fratello la hanno confortata, le hanno manifestato la gioia di averla ancora viva con loro.

 

Una volta certi che la memoria della donna fosse vivida sui fatti della strage di Cisterna, una delle due psicologhe ha svelato alla mamma la verità dicendole: 

 

“Martina e Alessia non ci sono più.”

 

Allora Antonietta ha chiuso gli occhi per due lunghi minuti, ha stretto debolmente il lenzuolo con la mano sinistra, non ha pianto.

 

Per evitare al suo copro e al suo animo uno stress insostenibile, dopo la notizia Antonietta è stata sedata perché potesse riposare.

 

Come hanno detto ad Antonietta della morte delle figlie – fonte Pomeriggio Cinque 

 

Non c’è dolore più straziante per una madre. VitadaMamma le è vicina con la preghiera.

Leggi anche

Seguici