Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Alluce valgo sintomi: rimedi contro il dolore

Alluce valgo sintomi dolorosi e conseguenze sulla deambulazione: dalla cipolla (tumefazione) all'insorgenza della sintomatologia dolorosa e infiammatoria.

Federica Federico

di Federica Federico

21 Aprile 2018

L’ alluce valgo è una patologia dolorosa e deformante a carico del primo raggio del piede, cioè del primo dito (l’alluce). L’ alluce devia verso l’interno tendendo ad appoggiarsi sulle altre dita, nel frattempo, a causa della distorsione di questo dito, nella parte esterna del piede si crea un’anomala sporgenza che tende ad arrossarsi, ingrandirsi e diventare dolorosa.

 

Alluce valgo sintomi: cipolla e dolore

 

Quella che abbiamo appena definito sporgenza altro non è che una tumefazione propensa alle infiammazioni. Volgarmente viene chiamata cipolla.

Alluce valgo sintomi

L’effetto infiammatorio si massimizza a causa del fisiologico sfregamento della cipolla contro l’interno delle calzature. Infatti uno dei primi sintomi dell’alluce valgo è il dolore concentrato proprio sulla zona della tumefazione. La cipolla dolorosa fa sì che il soggetto affetto da alluce valgo cammini male. La cattiva deambulazione è un’altra gravosa conseguenza dell’alluce valgo.

 

Per alleviare la sintomatologia dolorosa e rallentare la deviazione del dito verso l’interno (la cosiddetta deformità del primo raggio del piede) è possibile ricorrere a quelli che si chiamano rimedi ortesici: tutori correttivi; plantari; guaine; divaricatori.

Predisposizione all’ alluce valgo, chi è più a rischio?

 

Tra le tre tipologie di piede anatomicamente categorizzate: piede egizio, greco e romano (o quadrato), il piede egizio è quello più esposto all’alluce valgo pure essendo il più bello e armonico da vedere.

alluce valgo piede

Conta inoltre la familiarità; conta il genere perché le donne sembrano più predisposte all’ alluce valgo; conta la meccanica giacché questa patologia è favorita dall’uso di scarpe strette.

Ed è qui che interviene anche la cosiddetta bio-meccanica che penalizza le donne: i tacchi e le scarpe a punta stretta sono una delle concause che facilitano l’insorgenza della patologia.

 

Alluce valgo sintomi: i rimedi meccanici funzionano solo come palliativi.

 

I rimedi meccanici non curano l’ alluce valgo, essi intervengono sui sintomi e servono a minimizzare il dolore e rallentare il progresso della malattia.

 

Quando la cipolla non compromette la deambulazione e il dolore è gestibile (eventualmente anche con la scelta di calzature mirate a minimizzarlo) il ricorso ai rimedi ortesici aiuta.

Il ricorso alla chirurgia è il solo rimedio valido a correggere l’alluce valgo in modo radicale, tuttavia i rimedi contenutivi vanno apprezzati sin tanto che il fastidio resta gestibile e le conseguenze della patologia sulla deambulazione non sono limitanti.

  • Cipolla,
  • Infiammazione nell’area della tumefazione e dolore,
  • Disagio nell’indossare alcune scarpe,
  • Difficoltà di deambulazione,

questi sono i sintomi che suggeriscono l’insorgenza dell’ alluce valgo. Il consiglio è quello di rivolgersi all’ortopedico per una visita del piede interessato. Chi incorre in questa patologia deve sapere che si tratta di un disturbo progressivo: se non arginato o curato lì alluce valgo degenera, ovvero progredisce nel tempo.

 

Evitate il fai da te nella scelta dei supporti ortesici, questi strumenti correttivi intervengono sull’anatomia del vostro piede perché incidono sulla posizione delle ossa del dito alluce, questo significa che debbono essere selezionati con cura. Anche se sono apparentemente simili tra loro, hanno caratteristiche mediche precise: 

l’occhio esperto di un dottore saprà consigliarvi tenendo conto della specificità del vostro alluce valgo.

 

Alluce valgo sintomi: nessun alluce valgo è uguale ad un altro

 

L’evoluzione della patologia, quindi anche i sintomi dolorosi e le conseguenze della difformità del piede, dipendono da molti fattori genetici e bio-meccanici.

alluce valgo sintomi

Il sintomo più difficile da gestire è il dolore che la cipolla sul piede scatena. La sintomatologia dolorosa si aggrava nella stretta della calzatura e camminando.

I rimedi ortesici aiutano a contenere la tumefazione e la distorsione dell’ alluce verso l’interno.

 

I tutori correttivi si compongono di più parti: 

  • una banda elastica che può ancorarsi al collo del piede o al tallone, dipende dal modello;
  • una fascia posteriore che “blocca” l’alluce sorretto da un cappuccio in silicone;
  • un cuscinetto morbido che contiene la tumefazione.

 

Le guaine protettive che si infilano come un calzino interessando però solo l’area dell’alluce, comunemente sono dotate di cuscinetti protettivi all’altezza della cipolla. Funzionalmente assolvono allo scopo di isolare la tumefazione minimizzando attriti e contraccolpi.

Tal volta le guaine vengono profuse di oli per un efficacia emoliente e quindi anche curativa della cipolla.

 

Tutori e guaine possono essere associate a divaricatori, piccole strutture in silicone atte a separare l’alluce dalle altre dita del piede. Il divaricatore massimizza lo scopo del supporto ortesico perché favorisce il riallineamento dell’asse del dito a vantaggio della buona deambulazione.

Leggi anche

Seguici