Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Mamme stanche e nervose: ecco come evitare l’esaurimento

Sonno discontinuo, mal di stomaco, difficoltà di concentrazione, ansia, possono essere tutte conseguenze dello stress: lo sanno le mamme stanche e nervose.

Federica Federico

di Federica Federico

17 Settembre 2018

Sono otto le condizioni, i comportamenti e gli istinti che favoriscono l’esaurimento nelle mamme stanche e nervose:

 

  1. giudizio degli altri, a cui corrispondono tutti quei comportamenti sociali messi in atto per apparire brave, perfette, serene e pienamente aderenti ai modelli conformi alle aspettative comuni;
  2. emozioni negative scatenate dall’ansia, dallo sconforto o dalla paura di non essere all’altezza;
  3. conflitti familiari, spesso si ingenerano conflitti educativi e di gestione delle dinamiche di coppia e di famiglia (ciò prevalentemente avviene tra marito e moglie ma può accadere anche tra genitori e nonni);
  4. conflitti interni che esplodono soprattutto quando le cose della vita vanno diversamente dalle nostre aspettative e dai nostri progetti;
  5. difficoltà a eleggere i valori primari della famiglia, questo avviene sovente quando gli stimoli ideali dei figli configgono con quelli dei genitori;
  6. stanchezza;
  7. retaggi del passato;
  8. difficoltà a conciliare i tempi del lavoro con i bisogni familiari.

 

La psichiatra e esperta di puericultura Francoise Dolto ha scritto: 
Quando i genitori sono vivi, felici e allegri e trattano il figlio come una persona umana non hanno motivo per essere ansiosi e insicuri
”. Così, in una massima approssimazione, le mamme stanche e nervose potrebbero risolvere i loro problemi trattando i figli come “persone umane”, ma cosa vuol dire questo?

 

In realtà vuol dire tutto: equivale, infatti, a spogliarsi da sovrastrutture educative riconoscendo al bambino e al ragazzo la sua specialità.

 

Mamme stanche e nervose

 

Proprio tenendo conto dell’inutilità di qualsivoglia sovrastruttura o canone socialmente imposto, vogliamo esaminare – dal punto di vista delle donne – le diverse condizioni, i comportamenti e gli istinti che favoriscono l’esaurimento delle mamme stanche e nervose:

 

Il giudizio degli altri è un fattore che pesa grandemente sulle mamme stanche e nervose.

 

La società contemporanea è altamente stereotipata e ci ha abituato a dei modelli, spesso a dei modelli di perfezione, a cui ciascuno di noi si sente obbligato ad aderire.

 

Dovremmo tutti imparare che la serenità è una scelta di vita che nasce da un approccio personale e intimo all’esistenza e parte dall’adesione a dei valori importanti (o meglio a quei valori che personalmente vengono considerati come importanti). Pertanto ciascuno di noi dovrebbe sforzarsi di essere felice, di scoprire il proprio equilibrio in armonia con se stesso e senza forzature sociali.

 

La paura di non essere all’altezza del proprio ruolo aggrava lo stress delle mamme stanche e nervose.

 

Care mamme, sappiate che non esiste un ruolo prescritto, stereotipato, già disegnato e nemmeno esiste un copione già dettagliato: la maternità è la manifestazione di un’unica emozione che si chiama amore. A ciascuno di noi spetta il diritto di coniugare l’amore in base alla propria sensibilità e al proprio modo di essere.

 

Va detto che nella paratia quotidiana la paura di non essere abbastanza brave come madri e compagne è un derivato del giudizio altrui, non di rado la non appropriatezza è una sensazione -vittimista e colpevolizzante – scaturente dagli sguardi degli altri, dagli atteggiamenti impertinenti e dai tanto invadenti consigli non richiesti.

Mamme stanche e nervose, come liberarsi dallo stress

 

Abbiate cura di ascoltare solo il vostro cuore.

 

Stanchezza, stress e ansia discendono spesso da conflitti familiari.

 

Il disaccordo tra coniugi, tra mamma e suocera, tra papà e suocera, tra cognate e cognati è spesso origine e causa di condizioni psicologiche complesse, ciò ingenera stati di ansia, ira repressa, fatica nella comunicazione familiare.

 

Le famiglie che soffrano di problematiche simili dovrebbero imparare a rendersi più autonome, stringendo alleanze chiare tra moglie e marito, stabilendo delle regole di convivenza non derogabili e incontrandosi in un dialogo che sia aperto al compromesso.

 

Avere difficoltà a eleggere i valori primari della famiglia significa essere incapaci di stabilire un preciso ordine di priorità ideali a cui ispirare il proprio operato come genitori e verso cui orientare i figli.

 

L’educazione dei figli non è sempre uguale e nemmeno è sempre facile. Esiste un’età in cui i bambini meritano di essere considerati ragazzi e già tra i 9 e i 10 anni sono preadolescenti, è questa l’età in cui è più difficile avere ideali comuni e condivisi. Il progetto benefico e positivo di appartener tutti, come famiglia, a uno stesso ideale è figlio di due cose: dialogo e esempio.

 

Perciò, se veramente volete ispirare i vostri figli ad un bene superiore e ideale, è indispensabile che siate incarnazione rale e concreta di buon esempio.

 

Stanchezza e difficoltà a conciliare i tempi del lavoro con le esigenze familiari sono aggravanti dello stress delle mamme.

 

Tutte le mamme stanche e nervose pagano il prezzo dell’affaticamento. In realtà, sopratutto per le mamme che lavorano, è molto complicato trovare degli spazi personali e defaticanti, dei varchi dentro il vortice del “da farsi perenne”.

 

Sarebbe bene avere un hobby a cui dedicare uno spazio stabile; sarebbe giusto avere del tempo per sé, anche solo il tempo di un caffè con le amiche o le colleghe; sarebbe proficuo alleggerirsi nelle faccende di casa e nell’accudimento dei figli possibilmente anche delegando a qualcuno alcune attività, magari le più pesanti ed onerose (in questo la divisione dei compiti familiari e l’aiuto dei nonni sono cose preziose).

 

Ogni mamma ha diritto ad un piccolo spazio per se stessa, questo non equivale ad amare meno i figli, significa solo concedere loro l’opportunità di crescere con una madre più rilassata, serena e felici.

 

I retaggi del passato in termini di memoria educativa possono rappresentare dei limiti alla serenità familiare.

 

Chi ha avuto un’educazione punitiva, per esempio, può tendere a reagire con violenza e ira ai capricci dei bambini non conoscendo i canali comunicativi e relazionali dell’educazione dialogante;

 

chi non ha beneficiato di un rapporto affettivo fatto di coccole e carezze può essere reticente ai badie  agli abbracci;

 

chi è vissuto in una famiglia silenziosa può manifestare difficoltà al dialogo.

Mamme stanche e nervose

Quello che ciascun genitore deve imparare a fare è un esercizio di memoria:

 

ciascuno di noi deve riuscire a tornare bambino nei suoi pensieri recuperando i ricordi brutti e belli e, in questo modo, deve esaminare aspettative e desideri.

 

Questo sforzo di memoria diventa un’analisi del mondo attraverso gli occhi dei piccoli e aiuta a riflettere sui desideri dei bimbi facilitandone la comprensione.

 

Ciascuno di noi, come genitore, deve poi fare un atto di coraggio: è necessario scegliere che educazione si vuole dare ai propri figli emancipandosi anche dai retaggi sociali e familiari.

 

Quello che più conta è sforzarsi di comprendere i propri bambini, di scoprirli e assecondarne i desideri.

 

Così vista la posizione di Francoise Dolto assume un valore diverso, le mamme stanche e nervose potrebbero trovare giovamento in cose semplici come parlare, disinteressarsi ai giudizi altrui, stringersi nell’amore familiare, non trasportare sul figlio la proiezione dei propri desideri, ma imparare a scoprirlo per quel che è.

 


Fonte immagini: it.123rf.com con licenza d’uso.

Leggi anche

Seguici