Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Mio figlio mangia le matite e le penne, come farlo smettere

Molte mamme hanno figli rosicchiatori, la domanda è: "Mio figlio mangia le matite e le penne, che fare?" Talvolta i bimbi mangiano le unghie o altro. Si tratta di comportamenti compulsivi e auto-consolatori rispetto ai quali non serve punire o sgridare.

Federica Federico

di Federica Federico

18 Settembre 2018

Aiuto, mio figlio mangia le matite e le penne“. Ecco come aiutare i rosicchiatori che non vogliono smettere.

 

Si stima che il 30% dei bambini siano rosicchiatori, ovvero avvezzi a rosicchiare qualcosa: unghie, matite, penne, gomme, angolini di lenzuola o magliette. Questo atteggiamento (cioè l’azione di portare qualcosa alla bocca e rosicchiare) va considerato compulsivo, ovvero irrefrenabile, quando a metterlo in essere è un bimbo dai 4 anni in su e quando non si tratta di un comportamento occasionale.

mio figlio mangia le matite e le penne

Mio figlio mangia le matite e le penne, perché lo fa?

 

Mordicchiare aiuta il bambino a dare sfogo all’ansia e allo stress pertanto l’abitudine a rosicchiare diventa uno strumento di auto-consolazione.

 

Mangiare le unghie, in qualità di comportamento compulsivo, ha un nome specifico: onicofagia. Il meccanismo auto-consolatorio è il medesimo anche quando nella bocca del bimbo finiscono matite e penne, gomme da cancellare o lembi di magliette.

mio figlio mangia le matite e le penne

Mio figlio mangia le matite e le penne, come correggere il suo comportamento?

 

Il comportamento del rosicchiatore è spesso punito dai genitori, quantomeno il bambino viene sgridato. E’ bene chiarire subito che punizioni, lamentele, sgridate o castighi non sono proficui perché il bambino compiendo l’atto di mordicchiare non mette in essere un’azione razionale, piuttosto soddisfa un bisogno istintivo (cosiddetto compulsivo).

 

Il primo passo da compiere è individuare le eventuali fonti di stress capaci di affliggere il bambino costringendolo a trovare un modo per consolare se stesso e sfogare lo stato ansiogeno (può essere tale la nascita di un fratellino, un lutto, la separazione dei genitori, un cambiamento a livello scolastico).

 

Osservate come e quando il comportamento viene posto in essere e instaurate un dialogo continuo col bambino cercando di indagare i motivi e le condizioni che in lui ingenerano ansia o paura.

 

Ai piccoli rosicchiatoti fa bene lo sport perché li aiuta a canalizzare le energie e a rimetterle positivamente in circolo, aumentando anche l’autostima e la consapevolezze di sè.

mio figlio mangia le matite e le penne

Mio figlio mangia le matite e le penne, mi devo preoccupare?

 

Se l’abitudine a rosicchiare gli oggetti non migliora con l’individuazione delle fonti di stress e la loro gestione (per esempio riduzione del carico di impegni, aiuto nello svolgimento dei compiti scolastici, educazione dialogante, sport); laddove i bimbi rosicchiatoti presentino comportamenti deviati come scatti d’ira o tic ricorrenti o se il piccolo mordicchiatore manifesta disturbi del sonno è bene rivolgersi al pediatra o a uno specialista in psicologia infantile.

 

In sè i comportamenti da piccolo roditore possono essere innocui e transitori, diventano preoccupanti e meritevoli di attenzione se e quando si accompagnano ad altri atteggiamenti spie di disagio psicologico.

 

Secondo una teoria psicologica i bambini che hanno perduto il seno in modo traumatico, improvvisamente e senza essere pronti a lasciare l’allattamento materno, potrebbero essere più portati a mangiare le unghie.

 

Chi sostiene questa teoria associa l’onicofagia a un “lutto del seno”. Ovviamente è questa una teoria non comprovata, si basa su una assimilazione sensoriale dell’azione del rosicchiare le unghie all’emozione sperimentata nel contatto con la mamma.

 


Fonte immagini 123rf.com con licenza d’uso

Leggi anche

Seguici