Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

123 bambini scomparsi ritrovati: erano stati sequestrati

Una complessa e delicata operazione ha permesso a diverse unità ed agenzie della polizia americana di localizzare e recuperare 123 bambini scomparsi. Ecco come

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

11 Ottobre 2018

In un solo giorno, grazie ad una complessa operazione di polizia, sono stati ritrovati 123 bambini scomparsi su un totale di 301 bambini ricercati, tutti spariti in circostanze misteriose e probabilmente sequestrati per esser destinati al mercato dei minori per scopi sessuali.

 

123 bambini scomparsi ritrovati: erano stati sequestrati.

 
123 bambini scomparsi ritrovati: erano stati sequestrati
 

Hanno preso parte a questa complessa e delicata operazione, denominata MISafeKid, diverse unità dell’agenzia federale di polizia U.S. Marshals Service – in particolar modo l’unità di recupero dei bambini scomparsi di Detroit (USMS DMCRU) e l’unità investigativa che si occupa dei reati sessuali – nonché la Polizia dello stato del Michigan e gli agenti delle forze dell’ordine della contea di Wayne.

Un lavoro di certo non facile che ha permesso loro di ritrovare in un solo giorno 123 bambini scomparsi.

 

Ma cos’è l’operazione MISafeKid?

 

Gli agenti erano stati incaricati di localizzare e recuperare 301 bambini scomparsi in una specifica area da loro identificata come possibile zona interessata dal traffico di minori a scopo sessuale.

L’operazione, che ricordiamo è stata effettuata in un unico giorno, si è svolta lo scorso 26 settembre ed ha interessato tutta la Contea Del Wayne, nello stato del Michigan (USA).

I 301 fascicoli inerenti altrettanti bambini sono stati consegnati all’unità di recupero dei bambini scomparsi di Detroit che ha collaborato con il centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati, il dipartimento di polizia di Detroit e la Polizia dello Stato del Michigan.

 

Una volta dato il via all’operazione, tutti gli agenti hanno iniziato le indagini partendo dagli ultimi indirizzi conosciuti dei bambini scomparsi, dalle case dei loro amici e dalle scuole che frequentavano.

Come riportato nel comunicato ufficiale diffuso lo scorso 3 ottobre dall’U.S. Marshal Service, gli agenti sono riusciti ad identificare e recuperare in modo sicuro solo 123 bambini scomparsi dei 301 da loro cercati.

 

Dalla nota ufficiale si apprende che, dopo esser stati portati al comando di polizia, visitati, tranquillizzati e rifocillati, i 123 bambini scomparsi sono stati intervistati in qualità di potenziali vittime di violenza sessuale o in qualità di minori rapiti e destinati al mercato del sesso.

Dalle dichiarazioni effettuate dalla polizia è emerso che tra i 123 bambini scomparsi, ritrovati in discrete condizioni di salute, solo un adolescente senzatetto ha subito un immediato ricovero a causa del suo stato di malnutrizione. Non mangiava da 3 giorni.

 

Si è inoltre scoperto che 3 dei 123 bambini scomparsi erano invece destinati al mercato dei minori con fini sessuali.

 

La stessa agenzia federale di polizia ha ricordato che la MISafeKid è stata la prima operazione di questo tipo condotta nella contea di Wayne. Nelle settimane che hanno preceduto tale complesso e delicato intervento, la USMS DMCRU aveva ricevuto l’incarico di indagare su 30 casi di bambini scomparsi.

Di questi 9 sono stati individuati e recuperati prima dell’operazione MISafeKid, altri 7 sono stati invece ritrovati dopo. La DMCRU è ora sulle tracce di altri 2 bambini, uno scomparso in Texas e l’altro in Minnesota.

“Il messaggio che desideriamo trasmettere ai bambini scomparsi e alle loro famiglie è che non smetteremo mai di cercarli”.

È quanto si legge nel comunicato, una speranza che oggi, alla luce del ritrovamento dei 123 bambini scomparsi, arde più forte che mai.

 
 

Fonte:  USMarshalsFox2

 


 
 

Fonte immagini 123rf.com con licenza d’uso – ID Immagine: 39159994

Leggi anche

Seguici