Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Giorgia Greco, la ginnasta italiana con una gamba sola

Giorgia Greco perde una gamba a causa di una malattia molto aggressiva: un osteosarcoma all'arto destro, ma lei non si è arresa ed è diventata una ginnasta.

Marcella Aliberti

di Marcella Aliberti

15 Novembre 2018

Quando la forza di volontà è più forte di qualsiasi cosa nascono percorsi speciali. È questa la storia di Giorgia Greco, una bambina, che è fino al 2013 come tante, la seconda di tre figlie e che sin da piccolissima ha un sogno: ballare!

 

Ma la sua vita non è come quella di tutte le altre. Cinque anni fa, nel novembre del 2013 la colpisce una malattia terribile, un osteosarcoma alla gamba destra. Quello che lei chiama “il sassolino” è un tumore maligno raro, che la porta ad affrontare un percorso difficile di una malattia terribile, che diventa ulteriormente straziante se si pensa che lei è solo una bambina.

 

“L’osteosarcoma è un tipo di neoplasia particolarmente aggressiva in età pediatrica, che può colpire qualsiasi segmento osseo, anche se la quasi totalità dei casi riguarda le ossa lunghe 

(omeroradioulnafemoretibia e perone). “

Giorgia Greco

Giorgia Greco, la danzatrice che ama volare.

 

Dal momento della diagnosi, le sedute di  chemioterapia, la perdita dei suoi capelli sono il preambolo di quello che arriva nel maggio del 2014, quando Giorgia è costretta a subire la perdita della gamba. Accanto a lei, ci sono sempre Francesca e Stefano, i suoi genitori, che con il coraggio di due leoni non si abbattono, la proteggono e le sono vicino come solo chi ama infinitamente sa fare. E Giorgia è proprio come loro, lotta, non si arrende. Un giorno va nella palestra dell’Istituto dei tumori dove è ricoverata e nonostante la flebo di chemio prova nuovamente a fare una verticale.

 

In quel preciso istante Giorgia rinasce. In quel preciso istante Giorgia Greco capisce che non vuole rinunciare al suo sogno.

 

Il tempo passa ed è sempre più bella Giorgia, e mentre le ricrescono i suoi capelli (forti e fluenti come quelli di prima) sorride alla vita, continuando a fare quello che ha sempre fatto da quando era piccina: ballare!

 

Si allena tanto, a volte le piace quello che  riesce a fare, a volte no, ma dentro ha la tempra della vera sportiva, quella di chi non molla. È così che sconfigge la malattia, è così che annienta la sua disabilità.

 

Perché quella gamba assente non è più qualcosa che manca, ma è un tutt’uno con il suo corpo, capace, a dispetto dell’amputazione, di librare leggero in aria proprio come una farfalla.

 

Giorgia è determinata. Insiste a voler partecipare alle gare, anche se non può fare tutte le figure della danza ritmica. Così per questa ragazzina piena di grinta il presidente Anchini della società del Centro Sportivo Italiano Sesto Ritmic Dreams cambia alcuni regolamenti, è tanto, ma a lei che vola sempre più in alto non basta, Giorgia sogna le gare federali. Dopo un’esibizione all’Expo di Milano conosce  l’atleta paralimpica Giusy Versace e grazie alla campionessa il 15 novembre 2017 incontra le ” Farfalle” della Squadra Nazionale di Ritmica presso l’Accademia Internazionale di Desio.  Balla con loro e realizza un sogno.

 

Oggi Giorgia Greco ha undici anni, guarda al futuro con la consapevolezza di chi ha la stoffa dei campioni, noi non possiamo prevedere quali gare vincerà ancora, ma una cosa è certa, su qualunque podio salirà, qualunque coppa alzerà, non sarà mai importante come quella che ha alzato in questi cinque anni: l’Amore per la Vita.

 

Questa è la storia di Giorgia Greco. Raccontiamola ai nostri figli come si fa con le favole,  insegniamogli che a volte la realtà è più emozionante della fantasia.

Leggi anche

Seguici