Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Brianna Rawlings rifiuta le cure per far nascere suo figlio: muoiono entrambi

Brianna Rawlings aveva 19 anni, scopre di essere malata proprio mentre era incinta e rifiuta le cure per far nascere suo figlio, ma muoiono entrambi.

Marcella Aliberti

di Marcella Aliberti

13 Febbraio 2019

Se Brianna Rawlings fosse la protagonista di una fiaba leggeremmo la sua sua storia tutta d’un fiato, con la certezza del lieto fine; purtroppo in una notizia di cronaca, amara come a volte sa essere solo la realtà, invece il lieto fine non c’è sempre.

 

E allora perché la raccontiamo? Che cos’ha di speciale Brianna Rawlings?

 

La storia di Brianna Rawlings ci insegna che l’Amore di una madre può spingersi ben oltre l’immaginazione, in una terra senza confini, e rimanere sospeso tra la purezza del sentimento e la crudezza della realtà.

Brianna Rawlings morta di cancro

Ma chi è Brianna Rawlings?

 

Brianna Rawlings è una ragazza australiana, di Sydney per l’appunto, bella e piena di sogni, di quelli leggeri e grandi come li abbiamo avuti tutti noi a diciannove anni. E con questo spirito, Brianna culla la vita nel suo grembo per 17 settimane, fino a quando delle analisi mediche la fanno sprofondare in un abisso senza futuro: Brianna ha una rara forma di leucemia, un tipo di tumore del sangue che le lascia poche speranze. Ed è allora che il suo medico la mette di fronte alla più terribile delle scelte.

 

Brianna Rawlings deve rinunciare al suo bambino oppure ritardare le cure?

 

Il cuore di ogni madre è grande. Sempre, è vero.  Ma quello di Brianna è speciale.  È un cuore capace di trovare nuovi modi per sognare, anche quando la sorte distrugge con un solo colpo di spugna tutti i sogni precedenti. È un cuore capace di vedere il futuro, anche quando il futuro non c’è.

 

Brianna quindi, che è poco più di una ragazzina con un coraggio fuori da ogni logica, non ha dubbi e sceglie la vita, anche a costo di rinunciare alla sua.

 

 

Lo fa con il sorriso. E con il sorriso va avanti.  Il dolore la piega, ma la paura non la spezza, l’amore per suo figlio è più forte.

 

A settembre 2018 nasce Kaiden, il suo adorato bambino. Brianna Rawlings diventa mamma.

 

I medici, infatti, a causa delle febbri violente e dei dolori lancinanti, che torturavano la sua giovane mamma, decidono di indurre il parto circa tre mesi prima della data presunta.

 

 

Brianna ora può finalmente vedere il volto di suo figlio, stringere il suo ditino. Finalmente può provare a curarsi per lui, per dargli una mamma al suo fianco. Ma ancora una volta la sorte le toglie il suo ultimo sogno:

 

Kaiden, il suo piccolino, muore dopo solo dodici giorni per un’infezione allo stomaco.

 

Qualunque cuore a questo punto si sarebbe spezzato, avrebbe ceduto alla disperazione. Qualunque. Ma non quello di Brianna, il suo è speciale. Il suo  cuore è capace di vivere ora nel ricordo di questo legame straordinario.

 

Quei 12 giorni che ho potuto trascorrere con il mio bambino Kyden, tenendolo in braccio, contando le dita dei piedi e le dita e parlando con lui come ho fatto quando era nella mia pancia, erano così speciali, sono stati i migliori 12 giorni della mia vita.

 

Queste sono le sue ultime parole.

 

Brianna Rawlings ci ha lasciati il 29 dicembre scorso, per uno scherzo del destino quasi in prossimità della data presunta del parto di Kaiden.

 

Di fronte a notizie come questa capita di scoraggiarsi e di chiedersi perché nella vita si verificano dei casi in cui non possiamo che limitarci ad assistere impotenti di fronte a tanta sofferenza. Eppure Brianna non lo ha fatto. Brianna è stata capace di affrontare le sofferenze più atroci nel modo più vitale possibile: con il sorriso. Lo stesso coraggioso sorriso, che però non è riuscito a sconfiggere la malattia, ci verrebbe da dire, ma poi guardiamo le sue ultime foto e ci abbandoniamo ad un’altra riflessione.

 

Chi è Brianna? Una persona al limite delle sue sofferenze o una mamma?

 

Le osserviamo  meglio e quello che vediamo è solo una meravigliosa mamma, perdutamente innamorata del suo bambino.

Brianna Rawlings

Queste era Brianna, una donna capace di sorridere nonostante tutto, perché aveva capito. Aveva capito che nella vita solo l’Amore conta e perché resti, perché viva di luce propria, ha bisogno di coraggio.

 

Il suo insegnamento, un dono prezioso per tutti noi, è il modo in cui questa mamma straordinaria è riuscita a sconfiggere la morte.

 

A nome di tutti noi: grazie Brianna, donna coraggiosa, madre straordinaria.

Leggi anche

Seguici