Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Influenza e vaccino: vaccinazione antinfluenzale 2011\2012

Licia

di Mamma Licia

29 Ottobre 2011

Campagna antinfluenzale 2011-2012la campagna vaccinazione antinfluenzale 2011-2012

Il 9 agosto 2011 il Ministero della Salute ha pubblicato e diffuso la Circolare “Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2011-2012”. In essa sono contenute le indicazioni per la prevenzione ed il controllo dell’influenza stagionale.

Oltre alla misure di igiene e prevenzione individuale (accurato lavaggio delle mani, igiene respiratoria etc.), la Circolare mira ad informare anche sulla vaccinazione antinfluenzale, definita un mezzo efficace e sicuro per prevenire l’influenza e le sue complicanze.

Il periodo della campagna di vaccinazione stagionale, promossa ed economicamente sostenuta dal Servizio Sanitario Nazionale, è già partito a metà ottobre e si protrarrà fino alla fine di dicembre 2011.

Fermo restando che tutti possono decidere di vaccinarsi, il vaccino antinfluenzale viene però raccomandato, e offerto gratuitamente, a quei soggetti che si suppone corrano un maggior rischio di andare incontro a complicanze nel caso in cui contraggano la malattia, e cioè:

–          soggetti di età pari o superiore a 65 anni;

–          bambini di età superiore ai 6 mesi (anche se va detto che l’inserimento di bambini sani di questa età tra le categorie da immunizzare prioritariamente è oggetto di discussione da parte della comunità scientifica internazionale), ragazzi e adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza;

–          bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale;

–          donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza;

–          individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti;

–          medici e personale sanitario di assistenza;

–          familiari e contatti di soggetti ad alto rischio;

–          soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori (ad esempio, Forze di Polizia, Vigili del Fuoco etc.);

–          personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani (ad esempio, allevatori, macellatori, veterinari etc.).

campagna vaccinazione antinfluenzale 2011-2012

 

Il vaccino, disponibile per tutti presso le farmacie, inizia la sua azione protettiva a partire da due settimane dopo la sua inoculazione e la mantiene per un periodo di sei-otto mesi, poi il suo effetto inizia a declinare.

Si consiglia quindi di sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale all’inizio della stagione influenzale.

Per essere protetti, è sufficiente una sola dose di vaccino antinfluenzale stagionale per i soggetti di tutte le età, ad eccezione dei bambini al di sotto dei 9 anni, mai vaccinati in precedenza, per i quali vengono raccomandate due dosi di vaccino, da somministrare a distanza di almeno quattro settimane.

 

Il vaccino antinfluenzale non deve essere somministrato:

–          ai lattanti al di sotto dei sei mesi di età (per mancanza di studi clinici controllati che dimostrino l’innocuità del vaccino in tali fasce d’età);

–          a quei soggetti che abbiano manifestato una reazione allergica grave dopo la somministrazione di una precedente dose o una reazione allergica grave a un componente del vaccino.

Deve, inoltre, essere rimandata la vaccinazione ai quei soggetti affetti da una malattia acuta di media o grave entità, con o senza febbre, fino a quando non siano completamente guariti.

Le possibili reazioni comuni al vaccino antinfluenzale sono dolore, eritema e gonfiore nel sito di iniezione, malessere generale, febbre, mialgie. Queste ultime compaiono dopo 6-12 ore dalla somministrazione e durano 1-2 giorni. Effetti collaterali più rari possono essere trombocitopenia, nevralgie, parestesie, disordini neurologici e reazioni allergiche gravi.

Leggi anche

Seguici