Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Luca Toni patente sospesa, positivo al test dell’alcol

di Mamma Giò

02 Novembre 2011

patente sospesa a LUCA TONIPatente sospesa per tre mesi, per il giocatore della Juventus, Luca Toni, che sabato sera, durante il suo rientro a casa, è stato fermato dalla polizia municipale per un controllo ed è risultato positivo all’etilometro.

La guida sicura salva la vita di chi è al volante e di chiunque sia per strada, non bere oltre i limiti di legge deve essere una regola valida per tutti, una norma di civiltà, di buon senso e salutista.

Non si può di certo dire, che si tratti di un bel momento per il bel calciatore, perfino il suo allenatore, Antonio Conte, lo fa accomodare in panchina ad ogni partita dei bianconeri.

Ma le sue “disavventure” non riguardano solo gli aspetti meramente sportivi; anche quando è lontano dal terreno di gioco, Luca Toni non sembra essere particolarmente assistito dalla fortuna.

Lo scorso sabato notte Toni si è trovato, dinnanzi alla sua auto, la paletta rossa della polizia municipale modenese, che ha invitato il calciatore ad effettuare l’alcol test.

Toni è risultato positivo al test, patente sospesa a LUCA TONIcon un tasso alcolemico compreso tra lo 0,5g/l e lo 0,8g/l; un livello leggermente superiore al limite consentito, ma sufficiente per la sospensione della patente ed un verbale.

A difesa del calciatore “è scesa in campo” il club della Juventus, che in un comunicato stampa, ha tenuto a precisare “che l’alcoltest a cui l’attaccante è stato sottoposto ha riscontrato un tasso alcolico di 0.6 g/l, di poco superiore al limite legale di 0.5 g/l”.

Insomma, appena appena un bicchierino di troppo, nulla di più; in fondo, Toni aveva solo festeggiato l’anniversario con la sua fidanzata, in un ristorantino modenese … tuttvia i limiti di legge – che pure possono sembrare stringenti – restano importanti presidi a tutela della sicurezza di tutti i cittadini. Dunque tutti attenti a bere con estrema moderazione e per non lasciare spazio a nessun rischio evitiamo anche un goccino di troppo.

 

Leggi anche

Seguici