Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Melania Rea: Dna e occhiali ultime notizie sulle indagini

Federica Federico

di Federica Federico

23 Novembre 2011

omicidio melania rea Melania Rea: la sua tragica morte è velata ancora dal mistero, anzi da più misteri che partono dalle tracce sul cadavere, che sono raccontati dai luoghi e dagli atteggiamenti del corpo della donna ma che ad oggi non trovano una ragionevole soluzione.

Occhiali e Dna sono i due “arcani” che in questi giorni si aggiungono agli altri misteri nel dibattito sul caso Rea:

omicidio melania rea occhiali – l’immagine della giovane vittima è rimasta impressa nella memoria delle telecamere di un centro commerciale ove Melania e la sua famiglia si recarono nell’imminenza della tragedia, appena prima della presunta gita a Colle San Marco.

Questo girato ha consentito agli inquirenti di disporre di una “descrizione” di Melania nelle ore immediatamente precedenti al delitto.

Ebbene tale video dimostrerebbe che gli occhiali consegnati da Parolisi alle autorità non sarebbero gli stessi che la moglie indossava all’ingresso del grande magazzino.

La zia di Melania, dinnanzi alle telecamere di Quarto Grado – trasmissione di approfondimento di Rete4 – precisa che un paio di occhiali della nipote non si troverebbe più!

omicidio melania rea Secondo la testimonianza della signora Melania disponeva di un doppio paio di occhiali: un paio “vecchi” ed un paio più nuovi, ricevuti da Salvatore come dono di San Valentino. Dei due uno è nelle mani degli inquirenti mentre l’altro non è stato rinvenuto tra gli effetti personali della giovane.

Dna – il Dna, “la prova regina” dei moderni processi anima un po’ tutti i casi di cronaca ed in questo “alleato” scientifico cercano sempre conforto le altre tracce, i filoni investigativi e le ricostruzioni ipotetiche.

Nel caso Rea più Dna si confondono e si incontrano sulla scena del crimine:

–       nella bocca di Melania è stato rinvenuto il Dna di Salvatore.

A tale traccia genetica è stata attribuita somma importanza, pare, infatti, che essa riesca a “collocare” Parolisi quantomeno accanto alla moglie nel momento del decesso, infatti –omicidio melania rea secondo gli esperti – per il modo, il luogo e la qualità della traccia repertata il bacio – che avrebbe introdotto il Dna del marito nella bocca della moglie – dovrebbe essere stato dato nel momento stesso della morte.

Salvatore, invece, avrebbe giustificato quella traccia attribuendola al bacio liberato sulle labbra di Melania prima che ella si allontanasse dalle altalene di Colle San Marco per dirigersi verso i bagni (stando alla ricostruzione del Parolisi).

La medicina legale smentirebbe il marito, dimostrerebbe, infatti, che una traccia simile a quella scovata tra le labbra della vittima può sopravvivere in bocca solo in assenza di deglutizione, respiro e parola, ovvero solo se la persona è morta. Di qui la denominazione di “bacio della morte” che è stata attribuita nella fattispecie a tale indizio.

sul corpo di Melania sono stati rinvenuti 5 capelli ma nessuna traccia biologica c’è sul telefonino se non una piccolissima traccia della figlia Vittoria.

Di chi sono i capelli? Al momento non è dato saperlo per certo si sa che sono capelli femminili.

– E femminile è anche il Dna presente sotto un unghia di Melania: dito anulare sinistro, lo stesso da cui è “volato via” l’anello di fidanzamento.omicidio melania rea

Consideriamo pure l’impronta, impressa in una macchia di sangue e rinvenuta sulla scena del crimine, precisamente sulle travi di legno che delimitano l’accesso alla casupola di Ripe di Civitella: scarpa piccola presumibilmente piede di donna.

Capelli, Dna femminile e questa impronta suggeriscono la presenza di una donna nel luogo e nel momento della morte di Melania? Ed il telefonino della vittima fu pulito dall’assassino o da chi era con lui? L’anello di fidanzamento fu lanciato lontano da Melania, strappato da qualcuno o semplicemente scivolò giù dal dito nelle concitate fasi della lotta? E ci fu lotta \difesa?

–  Di fatto c’è la traccia di Dna sotto l’unghia di Melania, diversamente mancano segni di colluttazione evidenti. In compenso sono ben 5 i Dna maschili repertati sui polpastrelli della Rea e non compatibili con il Dna del marito.omicidio melania rea

Quali sono le prove esistenti contro Salvatore Parolisi?

Parolisi al momento è la sola persona accusata e resta detenuto in attesa di essere giudicato per l’omicidio della moglie, aggravato dalla minorata difesa e dal rapporto parentale, nonché per l’occultamento del cadavere di Melania e per il vilipendio di esso.

omicidio melania rea

  •  Le prove a carico dell’accusato sono tutte indirette:

Parolisi ha proposto a sua discolpa un alibi falso, non è ancora stato dimostrato ove fossero lui e Vittoria al momento dell’omicidio né è chiaro se la famiglia Rea mai sia stata a Colle San Marco nella mattina del delitto.

Sul Colle e nei pressi delle altalene quella mattina vi era una scolaresca, la cui presenza è dimostrata da foto scattate in loco e presentate agli inquirenti. Di fatto nelle foto, tirate nel lasso di tempo in cui Salvatore dichiara di essere stato sul Colle, lui, Vittoria e Melania non compaiono affatto, diversamente sono inquadrate le altalene.

E nemmeno Parolisi ha mai inserito nelle sue ricostruzioni il ricordo, teoricamente “ingombrante” dei giovani che giocavano a pallone.

Salvatore parolisi ha ripetutamente mentito: ha taciuto ed omesso di rivelare i suoi rapporti extra coniugali.

Gli inquirenti hanno considerato il suo come un atteggiamento ostile e non collaborativo.

 

  • Manca al momento qualsivoglia prova diretta capace di “inchiodare” Parolisi sulla scena del delitto.

Mentre pare che il telefonino di Melania – stando a quanto trapela da indiscrezioni giornalistiche – non abbia mai agganciato le celle di Colle San Marco, prendendo, invece, sempre quelle di Ripe, i tabulati concernenti il cellulare di Parolisi non hanno ancora rivelato nulla di decisivo.

Manca l’arma del delittoe non vi sono a Ripe tracce di Parolisi se non il dubbio “bacio” alla moglie.

Mancano i vestiti dell’assassino.

Il depistaggio non è provato e Salvatore ha un alibi.

omicidio melania rea Dunque quello di Melania Rea è un delitto ancora tutto da indagare?

Leggi anche

Seguici