Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Orsi polari la bufala della BBC: riprese in uno zoo e non al Polo

Licia

di Mamma Licia

15 Dicembre 2011

  • Orsi polari la bufala della BBC: riprese in uno zoo e non al PoloFrozen Planet è uno dei programmi più seguiti ed amati dai telespettatori britannici (8 milioni circa). Lo trasmette la BBC, la più grande e autorevole società radiotelevisiva del Regno Unito, ed è una serie di documentari dedicati al mondo dei ghiacciai e del freddo.

Nel quinto episodio, trasmesso lo scorso 23 novembre, è andata in onda una delle scene forse più tenere alle quali si possa assistere: il parto di una mamma orsa ed i suoi cuccioli, appena nati, che le si strofinano addosso alla ricerca del loro primo, importante nutrimento, il latte materno. Il tutto all’interno della splendida cornice dei ghiacciai del Polo Nord.

O almeno così, quelle immagini, avevano lasciato intendere. Eh sì, perché in realtà quella scena non è stata girata tra i ghiacciai dell’Artico – l’habitat naturale degli orsi – bensì in una gabbia fintamente innevata del Ouwehands Animal Park, uno zoo olandese.

E ciò è bastato a far sollevare le ire dei telespettatori che da Sir David Attenborough, il conduttore della trasmissione e il maggiore specialista in questo genere di documentari, non si aspettavano questa mancanza di professionalità e di serietà.

Orsi polari la bufala della BBC: riprese in uno zoo e non al PoloTantissime le polemiche arrivate alla Bbc non solo da parte di telespettatori indignati, ma anche di diversi politici tra i quali il presidente della Commissione cultura, media e sport della Camera dei Comuni, che al Daily Mail ha dichiarato: «Sono molto deluso. Le emittenti non dovrebbero cercare di dare ai telespettatori false impressioni. Se quella scena non è stata girata in natura, sarebbe stato giusto segnalarlo nei commenti». Ma così non è stato.

– La Bbc si difende affermando che la maggior parte delle immagini sono state davvero filmate al Polo Nord ma che sarebbe stato impossibile, per gli operatori, immortalare la scena del parto in una vera tana degli orsi. « Non c’è alcuna possibilità di entrare con le telecamere per filmarli », ha dichiarato anche Kathryn Jeffs, la produttrice della serie televisiva.
– Chiamato in causa anche Sir David Attenborough, il conduttore si è scusato con il pubblico britannico e ha precisato: «Se avessi provato a mettere una telecamera nella tana di un orso polare, l’animale avrebbe potuto uccidere i cuccioli o il cameraman».
– Sull’episodio è intervenuto anche il nostro Piero Angela, che già in passato ha usato documentari condotti da Attenborough e che nella seconda puntata dello speciale sui 30 anni di Quark presenterà alcuni spezzoni di Frozen Planet, commentando: «Sono molto stupito. È molto strano che Sir David Attenborough, il maggior specialista in questo genere di documentari, abbia accettato di girare una scena chiave in uno zoo. In ogni caso è qualcosa che confligge con l’etica professionale».

  • Il costo di Frozen Planet, una serie in sette episodi, è stato di 16 milioni di sterline e c’è chi, sentitosi raggirato, intende chiedere i danni.

Leggi anche

Seguici