Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Distacco di placenta

di Amiche di Vita da Mamma

09 Luglio 2010

Ho fatto la prima visita, non vedevo l’ora di vedere il mio fagiolino, ero così emozionata.
Arriva il momento di fare l’ecografia, lo vedo,vedo il suo cuoricino battere e il mio cuore esplode di gioia, poi dopo due secondi una frase della ginecologa mi fa crollare il mondo addosso: << C’è un piccolo distacco di placenta, il bambino sta bene, ma devi eseguire una cura e stare a riposo>> il gelo dentro di me.
Mi crolla il mondo addosso,inizio a non capire più niente, per fortuna sono andata con mio marito almeno ha sentito lui quello che diceva la dottoressa.
Lei comunque cerca di tranquillizzarmi,dicendomi che il distacco è veramente piccolo e che se sto a riposo si dovrebbe risolvere tutto in 15 giorni.
È passata quasi una settimana da quella visita, ma la mia testa pensa sempre a quella frase.
Cerco di essere positiva, ma non è facile. Ogni minimo dolore, anche se non centra niente con il distacco mi allarma,sto vivendo malissimo.
Poi le nausee  e la stanchezza peggiorano la situazione,ma quando mi lasceranno in pace?
Non posso prendere nemmeno il mio cucciolo in braccio, mi pesa tantissimo questa cosa.
Noi che eravamo abituati a farci mille coccole al giorno, lui che mi saltava dalla mattina alla sera in braccio o saliva sulla mia schiena…. per fortuna pare abbia  capito che la mamma adesso ha la  “bua” alla pancia e che solo momentaneamente non può giocare in quel modo con lui.
Ieri il mio ometto ha fatto un gesto che mi ha emozionata tanto,ha alzato la mia maglietta, mi ha fatto una carezza sulla pancia e mi ha dato un bacino dicendomi.<< mamma la bua ti passerà presto>> aggiungendo <<quando divento grande ti prendo io in braccio>>.
Ti amo vita mia.

Questo è il racconto di una amica di Vita da Mamma che da poco culla dentro di sè una dolce vita tanto desiderata ed appena all’inizio della sua strada verso la nascita.

Leggi anche

Seguici