Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Wikipedia sciopera e si oscura, protesta contro la legge anti-pirateria in America

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

18 Gennaio 2012

wikipedia protestaTutti quelli che oggi proveranno ad aprire la hompage di Wikipedia, parliamo della versione inglese, o una qualsiasi altra voce, si ritroverà davanti questo comunicato:

Immaginate un mondo senza libera conoscenza.  Per oltre dieci anni, abbiamo trascorso milioni di ore per costruire la più grande enciclopedia nella storia dell’uomo. Ora, il Congresso degli Stati Uniti sta prendendo in considerazione una nuova legislazione che potrebbe danneggiare irrimediabilmente la libertà e l’apertura di Internet. Per le prossime 24 ore oscuriamo Wikipedia con l’obiettivo di far crescere la consapevolezza su questo problema”.

In cosa consiste tale protesta?

wikipedia contro la censuraLa Wikimedia Foundation, fondazione che gestisce Wikipedia, da tutti considerata la più grande enciclopedia gratuita on-line, ritiene che le due nuove proposte di legge, la SOPA (Stop Online Piracy Act)        e la PIPA (PROTECT IP Act), rispettivamente presentate alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti  e al Senato degli Stati Uniti,  , potrebbero limitare di gran lunga la libera espressione del proprio pensiero su Internet.

Infatti le due leggi, volte a combattere la già esistente pirateria on-line, assegnerebbero al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e ai possessori dei diritti d’autore, la facoltà di chiedere un’ordinanza giudiziaria contro i siti Internet che violano, per l’appunto, i diritti d’autore.wikipedia oscurato

Oltre all’enciclopedia gratuita, gli altri siti che ne risentirebbero sono Youtube, Facebook, Twitter e tutti gli altri che operano maggiormente sulla condivisione dei link effettuata dagli utenti.

Tale protesta, la prima verificatasi in un paese d’oltre oceano, ha tratto ispirazione da quella svolta lo scorso ottobre dalla “sorella” italiana. Wikipedia Italia manifestò con ben 3 giorni di oscuramento del sito contro il disegno di legge DDL intercettazioni.

Leggi anche

Seguici