Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Bambini sicuri e protetti in spiaggia: consigli utili per le giornate al mare

Federica Federico

di Federica Federico

21 Luglio 2010

Portiamo i nostri bimbi in spiaggia perché godano del contato con l’acqua e dei benefici del mare, desideriamo che misurino la loro fantasia con i giochi e si sentano liberi.

La scoperta dell’intramontabile castello di sabbia è un momento magico per il bimbo. Il contatto con nuovi elementi,  l’uso di secchielli, palette e rastrelli come “strumenti di lavoro” potenzia la fantasia del bambino e ne accresce le capacità di manipolazione e coordinamento.

Insomma i bimbi devono giocare con la sabbia. Toccare le pietre calde, camminare sui sassolini, correre sul bagnasciuga e rotolare tra la spuma delle piccole onde che si infrangono sulla riva. Tra l’altro destreggiarsi tra le pietre e giocare sulla sabbia a piedi nudi migliora l’equilibrio dei piccini e li rende più forti, sicuri ed intraprendenti.

Ma quali accorgimenti è bene adottare per garantire il massimo benessere ai piccoli durante le ore trascorse a giocare in riva al mare?

Quando i bimbi giocano in spiaggia è preferibile che indossino sempre il costumino e meglio che sia asciutto se i pupi stanno seduti tra la sabbia.
Uno studio del CNR ha dimostrato che la permanenza in spiaggia a diretto contatto con la sabbia, ancor più del bagno in mare, favorisce congiuntiviti ed infezioni cutanee. E la moltiplicazione dei germi aumenta massimamente quando alla sabbia calda si associa il costumino umido, è per questo che è buona norma disporre di un ricambio e sostituire  il costume al bimbo dopo il bagno.

Per i piccolissimi il bagno in mare può non essere l’ideale, meglio una vaschetta gonfiabile riempita con acqua – anche marina – e lasciata al sole affinché raggiunga una piacevole temperatura.
Tenete conto che sino a 3mesi il sistema di termoregolazione del bambino non è ancora stabile. Ed, a questa età,  le immersioni in acqua dovrebbero avvenire ad una temperatura di circa 36°, ovvero ben 10° in più rispetto alle temperature medie registrate nel Mediterraneo nel periodo di luglio ed agosto.

Dopo il bagno asciugate con cura i piccoli con un telo pulito.

Dai 12 mesi in poi proteggete gli occhi dei piccoli con lenti da sole.
I baby occhiali devono dare garanzia di sicurezza e solidità: in tal senso controllate che le lenti siano infrangibili, abbastanza scure, grandi e dotate di un efficace filtro contro i raggi ultravioletti – UVA ed UVB. Controllate che la montatura sia in plastica con le asticelle flessibili, questo garantirà la sopravvivenza degli occhiali malgrado le cadute e le varie prove che il piccolo farà per imparare ad inforcarli da solo.
Un buon occhiale è garantito dal marchio CE. Ricordate sempre che le lenti per i piccoli non devono essere un vezzo, quanto piuttosto una “utilità”, perciò curatene prima la funzionalità e poi l’estetica.

Se il bimbo è insofferente agli occhiali potete adoperare un cappellino con visiera.
Un copricapo, poi, è sempre necessario, a meno che la testa del pupo non resti bagnata. Se il bimbo non tollera berretti o bandane la sola soluzione è inumidirgli costantemente il capo.

Se il bimbo ha difficoltà a camminare a piedi nudi, potete ricorrere a scarpette di gomma morbida specifiche per il mare. Con le stesse il piccolo potrà scendere direttamente in acqua. Sono leggere, si adattano al piedino per la loro particolare duttilità e si asciugano in fretta.

Non dimenticate mai la protezione solare, né di far bere molto il piccolo.
Per i bimbi, al fine di evitare il contatto con acqua variamente contaminata, è meglio prediligere minerali lisce ed imbottigliate, per lo stesso motivo evitate la somministrazione di ghiaccio.

Se il bimbo è ancora lattante ed intendete dargli la poppata in spiaggia, sappiate che la formula già preparata può essere conservata a temperatura ambiente per poche ore. Tra l’altro la calura estiva aumenta il rischio di contaminazioni. È sempre preferibile portare con sé l’acqua calda ed a parte il latte in polvere per poi preparare la formula sul momento.

Buona permanenza in spiaggia a tutte e buon divertimento ad ogni bimbo.

Leggi anche

Seguici