Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Infertilità maschile cause, diagnosi e cure

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

25 Gennaio 2012

infertilità prevenzioneInfertilità maschile: Prevenire è meglio che curare!

A quanto pare  non ci si può sottrarre a questa regola, valida in tutti i campi, ma soprattutto per quando riguarda la medicina.

Un controllo preventivo, effettuato attraverso regolari visite sia con il medico generico, sia con un medico specialista, può evitarci un aggravio cronico di malattie che, se diagnosticate tempestivamente, possono essere facilmente risolte attraverso cure mirate.

Questa piccola regola è valida anche per combattere l’infertilità maschile.

Tale patologia, definita anche sociale perché incide sulle relazioni di coppia e sull’aumento demografico del paese, può essere curata a patto che le sue cause scatenanti vengano diagnosticate in modo preventivo.

Si usa molto parlare di ginecologo, medico dal quale si recano regolarmente la maggior parte delle ragazze quasi subito dopo il menarca (la prima mestruazione), mentre è molto meno diffusa, almeno tra i ragazzi, l’attività dell’andrologo.

andrologoChi è?

È colui che focalizza i propri studi sulla salute maschile, con particolare attenzione per le disfunzioni dell’apparato riproduttore (fonte Wikipedia). In poche parole la “versione maschile” del ginecologo.

infertilitàSecondo Antonella Bertozzi, direttrice del centro di andrologia presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, una preventiva segnalazione delle patologie andrologiche, come ad esempio il varicocele (dilatazione ed incontinenza delle vene testicolari) o il testicolo mal disceso (detto anche mobile), porterebbe ad una rilevante diminuzione di casi di infertilità maschile.

Ed è proprio per agevolare queste visite e realizzare delle tempestive diagnosi, l’ Azienda Ospedaliera, grazie ai sovvenzionamenti della Regione Toscana, sta mettendo in atto tre progetti:

  1. Pari opportunità: una crescente divulgazione di informazioni effettuate attraverso congressi, con l’ausilio di scuole ma, soprattutto, dei medici generici;
  2. Valutazione DNA nemaspermico: esame medico che prevede uno screening e un’ analisi in laboratorio dei campioni seminali congelati di pazienti con problemi di infertilità;
  3. Telemedicina andrologica: è una tecnica che permette una consulenza andrologica specialistica, senza necessitare di spostamenti fisici, sia del paziente che del medico. In poche parole un medico, (generico o specialistico), esaminando al microscopio il liquido seminale di un paziente, potrà trasmettere, attraverso una videoconferenza, tali immagini in tempo reale ad un consulente andrologo specializzato che si trova presso il centro di andrologia di Pisa.

L’ultimo progetto è molto indicativo ai fini delle tempestive rilevazioni di eventuali patologie. Infatti accorcia di molto la prassi seguita dall’iter di analisi ed esami di laboratorio, facendo ricevere al paziente, con una reale immediatezza, una consulenza anche a distanza di molti chilometri.

Leggi anche

Seguici