Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Costa Concordia: il comandante Francesco Schettino e la moldava Domnica Cemortan

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

09 Febbraio 2012

costa concordia Molto spesso il gossip italiano tende a ridicolizzare anche il più drammatico degli eventi.

Le notizie sulla tragedia della Costa Concordia negli ultimi giorni si sono incentrate sulla possibile relazione tra il comandante Francesco Schettino, ritenuto il principale responsabile del disastro nautico, e la moldava Domnica Cemortan, presente in plancia di comando al momento dell’impatto.

Denominata prima la donna del mistero poi l’amante del capitano, Domnica è stata, ed è tutt’ ora, al centro dell’attenzione mediatica per la sua presunta relazione col capitano e per alcune circostanze, non del tutto chiarite, sul suo imbarco sulla nave da crociera, arenatasi il 13 gennaio scorso.

I media, i principali giornali di gossip e molti italiani, che giocano sull’ilarità della vicenda, divertendosi a creare filmati ironici che mirano a denigrare Schettino, hanno posto la 24enne al centro dell’attenzione, cosa non del tutto gradita dalla ragazza, la quale si è ribellata a tutto ciò attraverso un’intervista al settimanale Oggi.

Non ho mai detto ai magistrati “Io amo il comandante Schettino”. Vorrei capire come può essere uscita un’informazione del genere. Dicono che hanno trovato un mio bikini nella cabina di Schettino. E il mio bagaglio dov’è? Non c’è nient’altro di mio? Non ci sono pantaloni, non ci sono camice, niente? E no scusate, ci vuole qualcosa di più. Come si può costruire una storia partendo da un bikini? E poi cos’hanno trovato su questo bikini che permetta di collegarlo a me? C’era scritto il mio nome, c’era la mia foto o il mio dna?”

costa concordiaÈ stato un vero e proprio sfogo quello fatto alla rivista dalla Cemortan, la quale ritiene scandalosa la divulgazione di notizie atte ad infangare la sua persona e che hanno come scopo finale, almeno secondo lei, il totale isolamento, anche quello familiare, del comandante Schettino, eletto unico capro espiatorio dell’intera vicenda.

L’Italia parla e ride di me. Ma non esiste solo l’Italia. Anche la Moldavia parla di me e trova che non ci sia niente da ridere. Dicono che sto rovinando l’immagine del mio Paese e del mio popolo. A questo punto non è più gossip. Sta diventando una questione politica. Non so per chi mi abbiate presa. Vi sembro una sgualdrina? Allora sappiate che parlo cinque lingue, nel mio paese e all’estero ho ottenuto diplomi di alti studi e in Francia ho frequentato un’accademia molto importante. Mi sono impegnata, ero la migliore della mia classe, avevo dei voti eccellenti e tutto questo per cosa? Per essere trascinata nel fango dai giornalisti che senza nessuna informazione si permettono di scrivere su di me?”.

Leggi anche

Seguici