Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Stipendi manager pubblici tetto retribuzioni: ecco tutti i guadagni

di Mamma Filo

24 Febbraio 2012

stipendi e redditi dei manager pubblici tetto retribuzioni: ecco tutti i guadagniDopo la messa on line dei redditi e delle dichiarazioni patrimoniali dei componenti del Governo,  adesso è la volta di numerosi manager pubblici.
Atra dimostrazione di trasparenza … che ci fa rendere conto che non soltanto i vertici politici percepiscono stipendi con qualche zero in più dei nostri.
In pole position nella classifica che fa riferimento solamente ai redditi dei manager e non alle loro complessive situazioni patrimoniali, troviamo Antonio Manganelli, Capo della Polizia. E’ lui il più pagato tra i manager pubblici, con un reddito annuo di 621.253,75 Euro.
Dopo di lui staccato di una cifra considerevole troviamo il Segretario Generale dello Stato, Mario Canzio che percepisce 562.331,86 Euro annui.
Terzo in classifica ma sicuramente senza troppi rammarichi, si posiziona il Capo del Dipartimento dell’ Amministrazione penitenziaria, Franco Lonta con “ soli “ 543.954,42 Euro.
I primi tre sono in ottima compagnia, tra gli altri 10 più pagati troviamo Attilio Befera, Direttore Generale dell’ Agenzia delle Entrate con 304.000 Euro, dal capo del Gabinetto del Ministero dell’ Economia con 536.906,98 Euro.
Ecco la classifica dei primi dieci manager maggiormente retribuiti:
 stipendi e redditi dei manager pubblici tetto retribuzioni: ecco tutti i guadagni
– 10° Pier Paolo Borboni, Presidente Authority Energia e Gas, 475.643,00 Euro
– 9° Giovanni Pitruzzella, Presidente Antitrust, 475.643,38 Euro
– 8° Corrado Calabrò, Presidente Agcom, 475.643,38 Euro
– 7° Bruno Branciforte, Capo Stato Maggiore marina, 481.006,65 Euro – 6° Giuseppe Valotto, capo Stato Maggiore Esercito, 481.214,86 Euro – 5° Rafaele Ferrara, Monopoli di Stato, 481.214,86 Euro
– 4° Biagio Ambrate Abrate, Capo di Stato Maggiore Difesa, 482.019,26 Euro
– 3° Vincenzo Fortunato, Capo Gabinetto del Ministero dell’ Economia, 536.906,98 Euro
– 2° Mario Canzio, Ragioniere Generale dello Stato, 562.331,86 Euro
– 1° Antonio Manganelli, capo della Polizia, 621.253,75 Euro.
Queste cifre, seppur inferiori a quelle rese note due giorni fa dai componenti dell’ esecutivo, superano i 305.000 Euro fissati con la manovra di Natale. Si dice però che questa soglia potrebbe subire un ulteriore abbassamento a 294.000 Euro, tenendo come riferimento l’introito del I° Presidente della Cassazione per il 2011.
stipendi e redditi dei manager pubblici tetto retribuzioni: ecco tutti i guadagniQuesto tipo di documentazione era stata richiesta a tutte le Amministrazioni Pubbliche, escluse Comuni e Regioni, dal Ministro della Funzione Pubblica, in modo da poter stabilire un limite massimo ai pagamenti per tutti i dipendenti pubblici; il termineiniziale previsto per martedì scorso è stato prorogato a ieri, a detta stessa del Ministro, per ottenere una maggiore completezza delle informazioni richieste ed imposte dal decreto “ Salva Italia “.
Come già accennato, a differenza delle dichiarazioni dei membri del Governo, queste dei manager non comprendono le situazioni complessive patrimoniali ma esclusivamente le retribuzioni percepite da ognuno di loro dalle amministrazioni o dagli enti per i quali lavorano e non includono i pagamenti per altri incarichi   (retribuzioni che pure verranno richieste e vagliate il prima possibile).
Nelle documentazioni richieste dal Ministro Patroni Griffi, ogni amministrazione dovrà dichiarare quali sono i motivi del superamento del tetto massimo di retribuzione, al momento al vaglio delle Commissioni Affari Costituzionali e Lavoro delle Camere.
Su questo argomento anche gli schieramenti politici stanno valutando delle eventuali modifiche da proporre sul decreto del Premier ; uno dei dubbi maggiori è che quello della riduzione degli stipendi possa scatenare un effetto domino che non si ferma solamente alle alte sfere dell’ amministrazione pubblica ma anche ai livelli più modesti. Per il momento chi è che si è già espresso contro l’ imposizione di un tetto massimo è l’ Anma, Associazione Nazionale Magistrati Amministrativi, perché sono stati già coinvolti dalle riduzioni applicate nel 2010.
Staremo a vedere quale sarà la reazione a queste nuove cifre.
E’un fatto che ci esaltiamo durante una semplice partita di calcio quando i nostri “ 11 “ preferiti corrono dietro ad un pallone per compensi milionari e stride un pochino il fatto che, diversamente, ci lamentiamo osservando i redditi di coloro che dovrebbero provvedere al nostro benessere … è giusto che chi ci diverte correndo dietro un pallone (un pò come un gladiatore nell’arena) riceva  compensi superiori a chi ci amministra?
 Noi siamo perplesse dinnanzi a tali cifre … ma per lo meno siamo giustificati, spesso dobbiamo fare i conti con retribuzioni che non sempre raggiungono la quarta cifra; quindi, viste dalla nostra prospettiva, le reazioni degli schieramenti politici, possono sembrarci un po’ strane … del resto da quand’ è che si preoccupano che possano subire delle riduzioni anche gli stipendi dei livelli più modesti?

Leggi anche

Seguici