Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Le donne ed il lavoro

Federica Federico

di Federica Federico

03 Marzo 2012

mamme a lavoroUomo genere maschile + Donna genere femminile = Coppia genere “famiglia”.

La coppia, intesa come cellula elementare della collettività (ovvero come famiglia) è da recepire come la culla del futuro sociale: i figli sono la speranza del domani e la loro nascita e crescita garantisce l’arricchimento del tessuto sociale.

Ma questo processo di evoluzione collettiva che attraverso l’incontro dell’uomo e della donna porta all’ampliamento ed alla rigenerazione della società come viene ripagato dallo Stato e di cosa ha bisogno?

–        Necessita di sostentamento, di danaro ed in primis di Lavoro;

–        necessità di serenità, di equilibrio nella coppia e, quindi, di cooperazione;

–        necessita di rispetto del ruolo della Donna che troppo spesso è ancora chiamata a lottare per l’affermazione della sua “identità femminile” come identità di genere non discriminabile.

lavoro donneLa donna non è più l’angelo del focolare o meglio non è più soltanto deputata ad accudire casa e figli …

… quell’angelo ha spiegato le ali e, pagando con fatica e dedizione il prezzo dell’emancipazione, oggi molte professioni e ruoli sociali si tingono di rosa; tanti lavori vengono gestiti da donne, mogli e mamme che oltre ad istruire i figli, accudire i mariti e gestire la casa  producono reddito, lavorano per se stesse, per la propria famiglia e per la società.

Alla figura della donna lavoratrice si accompagnano, tuttavia, dei “Ma” importanti e gravosi, osserviamoli insieme:

  • La donna lavora Ma ottiene una retribuzione più scarsa di quella garantita ad un uomo. Dagli approfondimenti compiuti dalla Commissione Europea, che ha mappato le condizioni del lavoro femminile, (http://ec.europa.eu/justice/gender-equality/gender-pay-gap/index_en.htm) emerge che le donne guadagnano in media il 17% in meno rispetto agli uomini.
  • La donna lavora Ma il 71,3% del lavoro familiare resta a suo carico (dati INPS, Istat e Ministero del Lavoro tratti dalRapporto sulla coesione sociale 2011), col risultato che dopo il “lavoro stipendiato” l’impegno femminile si sposta su casa e figli.  Considerando l’insieme del lavoro esterno alla casa e delle attività di cura della famiglia, una donna lavoratrice mediamente si impegna ogni giorno 1 ora e 3 minuti in più rispetto al suo partner lavoratore. Per le coppie con figli il divario medio di tempo a svantaggio delle donne è addirittura superiore.
  • La donna lavora Ma sovente le sue competenze non sono stimate come quelle maschili (a parità di titoli la donna è spesso sottovalutata), si registra persino una più lenta progressione di carriera. E ciò anche quando le donne godano di titoli di istruzione elevati uguali o maggiori  rispetto a quelli posseduti dai colleghi maschi.
  • La donna lavora Ma la condizione di pari opportunità col maschio non è ancora una certezza garantita. Ciò che più comunemente si domanda una donna – lavoratrice in età fertile è se avere un figlio possa ledere la sua carriera

È innaturale che una donna debba chiedere a se stessa ciò:

Avere un figlio farà male alla mia carriera professionale?

  • La donna lavora Ma dopo la nascita di un bambino è frequentemente costretta ad interrompere la sua carriera o a limitarla non potendo tornare ad un lavoro a tempo pieno. Nel nostro paese ciò dipende anche da fortissime carenze in termini di Welfare, infrastrutture e ammortizzatori sociali.
  • La donna lavora Ma, guadagnando in media il 17% in meno rispetto agli uomini, beneficerà di una pensione più bassa rispetto ai colleghi maschi. Ciò espone al rischio di povertà più donne che uomini.

La donna lavora Ma è anche Madre, Generatrice ed Educatrice … un motore sociale che meriterebbe maggiore considerazione e rispetto … e Garanzie al 100%

Articolo Sponsorizzato

Leggi anche

Seguici