Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Bambini e sole, protezione

L'uso della protezione solare nell'infanzia può diminuire il rischio di insorgenza di tumori alla pelle in età adulta

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

04 Aprile 2012

bambini e sole e mareCon l’arrivo delle giornate calde, si dà il via a lunghe passeggiate e alle prime esposizioni ai tiepidi raggi solari.

Bisogna però ricordarsi di proteggere sempre la pelle, soprattutto quella dei bambini, perché, nonostante il sole primaverile possa apparirci come non pericoloso, la Aiom, Associazione Italiana di Oncologia Medica, ci dimostra il contrario, attraverso i dati statistici rilevati.

“Troppe persone si espongono al sole senza precauzioni, in particolare i bambini rappresentano l’  “anello debole” della catena. Un richiamo da tenere in considerazione soprattutto in questi mesi, in cui molti approfittano del fine settimana per prendere un po’ di colore. Vanno inoltre totalmente bandite le lampade abbronzanti che, secondo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), aumentano il rischio di melanoma del 75%, al pari del fumo di sigaretta, se utilizzate prima dei 30 anni”.

Dei tumori della pelle, ma soprattutto di piccoli gesti atti a prevenirne la formazione, si è parlato al convegno nazionale “Nuove frontiere nel trattamento del melanoma”, tenuto nella città di Napoli la scorsa settimana.

protezione bambiniLa ripetuta esposizione al sole senza un’ adeguata protezione già dalla prima infanzia, triplica il rischio di sviluppo di un melanoma della pelle in età adulta. Un possibilità non remota e assolutamente da non sottovalutare in quanto, secondo i dati forniti nel corso del convegno, in Italia ne vengono colpite ogni anno circa 7mila persone, di cui 1500 in forma grave, tanto da portarle alla morte.

Dato maggiormente sconcertante è l’ abbassamento progressivo negli anni della fascia di età. Il melanoma infatti oggi colpisce maggiormente persone di età compresa tra i 30 e i 50 anni.

 “La battaglia contro questa forma di cancro è difficile, ma si può vincere ponendo più attenzione a semplici regole di prevenzione”, un commento alquanto ottimista del segretario nazionale Aiom, Carmine Pinto, e di facile attuazione se si pensa che ad aiutarci nella prevenzione è la giusta e consapevole scelta di usare sempre e comunque la protezione adatta al nostro tipo di pelle.

Leggi anche

Seguici