Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Scuola materna, Borgomanero cittadinanza italiana come requisito di ammissione

A Borgomanero il Consiglio di Circolo ha chiesto la cittadinanza italiana per essere ammessi alla scuola materna e 30 bambini stranieri sono rimasti esclusi

Licia

di Mamma Licia

14 Giugno 2012

scuola maternaPochi asili, tanti bambini. E molti sono stranieri.

Per sopperire alla carenza di strutture, allora, i criteri di selezione per l’ammissione alla scuola materna si fanno sempre più restrittivi, ed avere la cittadinanza italiana diventa una priorità.

Lo ha deciso il Consiglio di Circolo della Direzione Didattica Statale di Borgomanero (Novara) che, nello stilare i requisiti necessari per l’ammissione dei bambini al prossimo anno scolastico, ha scelto come indispensabili: avere la cittadinanza italiana, essere residenti nel comune di Borgomanero, avere fratelli già iscritti nella stessa scuola, abitare nella zona vicina alla scuola e l’età anagrafica.

Criteri molto restrittivi che hanno portato all’esclusione dal servizio scolastico per mancanza di posti disponibili (anche se in lista d’attesa) di 36 bambini, di cui circa 30 sono stranieri.

scuola maternaUna prassi, quella della Direzione didattica statale della cittadina novarese, consolidata anche negli scorsi anni – ha detto il dirigente scolastico Maria Teresa Valsesia – ed adottata perché il numero delle richieste di iscrizione era superiore rispetto alla possibilità di accoglienza dei bambini nella scuola.

Duro il commento del sindaco di Borgomanero, Anna Tivivella, che ha così commentato la vicenda, che ha già sollevato parecchie proteste:

“Non è una questione di nostra competenza, ma non condivido assolutamente la scelta. Si sono create tensioni che si potevano evitare con un po’ di buon senso”.  

Per rassicurare i genitori dei bambini esclusi e per trovare una soluzione, il sindaco ha chiesto alla Regione Piemonte l’istituzione di una sezione in più di scuola materna per il prossimo anno scolastico, in modo da poter accogliere i 36 bambini non ammessi e adesso in lista d’attesa.

Leggi anche

Seguici