Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Sacco nanna: il bimbo si scopre di notte

di Mamma Elisa

20 Settembre 2010

Sacco nanna

Conoscete questo prodotto? L’avete mai  acquistato per i vostri cuccioli?

L’anno prossimo a febbraio  nascerà il mio bambino,a differenza del mio primogenito che è nato a luglio in piena estate, questa volta mi ritrovo a dover acquistare tutto l’occorrente per tenere al caldo il mio cucciolo e ho pensato che un sacco nanna dopo la sua nascita mi potrebbe essere utile.

Vediamo insieme cos’è.

Il sacco nanna ha le sembianze di un sacco a pelo solo che la parte superiore è conformata come una salopette. Esso consente al bambino di rimanere coperto e al calduccio specialmente durante la notte, le sue braccia comunque sono  libere di muoversi  e anche il suo corpo e noi genitori  possiamo stare più tranquilli e non preoccuparci ogni cinque secondi di ritrovarlo scoperto o avvolto nelle coperte. Non c’è il rischio che il bambino scivoli dentro,basta scegliere la misura adatta alla sua grandezza.

Gli studiosi  che hanno creato il sacco nanna  hanno stabilito che la misura giusta del sacco adatto  per il nostro bambino si ottiene collegando la misura della circonferenza cranica al peso corporeo nel bambino stesso. Se non conoscete la circonferenza cranica niente paura,può bastare anche conoscere solo il peso e l’altezza del bambino per acquistare quello giusto.

In genere in commercio si trovano le seguenti misure:

  • 0-6 mesi  lunghezza del sacco 75 cm
  • 6-18 mesi lunghezza del sacco 95 cm
  • 18-36 mesi lunghezza del sacco 110 cm
  • 3-6 anni lunghezza del sacco 130 cm

Del seguente spessore:

  • Quello più pesante è di 2,5 di spessore ed è consigliato per l’inverno soprattutto  se il bambino vive in un ambiente dove c’è una temperatura che varia dai 16° a 20°.sn
  • Quello di 1,0 di spessore consigliato per l’estate e per il bambino che vive in un ambiente dove la temperatura oscilla tra i 20° e i 24°.
  • Quello più leggero invece è di 0,5 di spessore ed è consigliato per i periodi estivi più caldi e per il bambino che vive in un ambiente dove la temperatura va tra i 24° e i 27°.

Quindi come potete vedere esso può essere utilizzato non solo l’inverno,ma anche l’estate.

Ovviamente se utilizzate il sacco nanna in casa imparate a non “imbottire” i vostri bambini. Se per esempio utilizzate quello più spesso e nella camera ci sono 18° gradi basterà fargli indossare un body a manica lunga e la parte superiore del pigiamino  perché il sacco nanna è studiato appositamente  per tenere il bambino al caldo,ma non per fargli patire il caldo. Quindi è molto importante conoscere la temperatura della camera nella quale il bambino indosserà il sacco nanna.

La maggior parte di essi sono esternamente in cotone e internamente in poliestere,completamente lavabili anche in lavatrice quindi anche comodi da pulire.

Buona scelta e buon acquisto a tutte voi.

Leggi anche

Seguici