Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Kasia Smutniak madrina al Festival del Cinema di Venezia

Kasia Smutniak sarà la madrina del Festival di Venezia 2012

MammaMichela

di Mamma Michela

27 Luglio 2012

kasia smutniak madrina veneziaLa 69esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che si svolgerà al Lido dal 29 Agosto all’8 Settembre 2012, avrà come madrina Kasia Smutniak e sarà diretta da Alberto Barbera e organizzata da Paolo Baratta.

La bella attrice di origine polacca, dopo aver perso il marito Pietro Taricone nel 2010, a causa di un incidente mentre praticava paracadutismo, aveva deciso di restare lontana dai set cinematografici, per cercare di “sopravvivere” a questo immenso dolore, proteggendo la figlia Sophia.

A dicembre del 2011 Kasia, grazie a Domenico Procacci, grande amico di Taricone, ritrova il sorriso e la voglia di vivere e prova con lui a ricostruirsi una vita.

Kasia è molto entusiasta di ricoprire il ruolo di “regina” del Festival del Cinema, poiché da circa due anni circolavano voci proprio su un suo ipotetico ruolo da madrina a Venezia.

Ora, dopo il grave lutto, finalmente l’attrice riesce a coronare questo sogno.

kasia smutniakLa Smutniak, in occasione della cerimonia d’inaugurazione, anticiperà il 29 Agosto la proiezione del film di apertura della Mostra, “The Reluctant Fundamentalist” di Mira Nair, sul palco della Sala Grande del Palazzo del Cinema.

Successivamente, la bella attrice polacca, condurrà la cerimonia di chiusura della Mostra e, in tale occasione, saranno annunciati i vincitori de i Leoni e tutti i preziosi premi della giuria del Festival di Venezia.

Inoltre quest’anno Kasia sarà anche la protagonista femminile della fiction che andrà in onda su Rai 1 “Domenico Modugno: la sua vita”, dove reciterà al fianco di Beppe Fiorello.

Una foto scattata sul set in questione, un bacio sulla spiaggia dei due attori, aveva già fatto alzare il gossip italiano, subito smentito dal fatto che, il gesto, era stato compiuto solo per esigenze cinematografiche.

Ma basterà questo a far tacere i pettegolezzi?

Leggi anche

Seguici