Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Gravidanza: T come

Licia

di Mamma Licia

24 Settembre 2010

Taglio cesareo: Vedi Parto (con taglio) cesareo.
Talassemia: Patologia ereditaria, comunemente nota con il nome di anemia mediterranea, caratterizzata dalla diminuzione della quantità di emoglobina prodotta. Il feto, nel caso di talassemia grave, rischia seri danni a carico degli organi principali. E’ di interesse clinico in gravidanza perché dall’unione di due individui portatori sani o affetti dalla forma lieve può nascere, con la probabilità di uno su quattro, un individuo con la forma grave che può portare ad una morte prematura.
Tamponamento uterino: Tecnica utilizzata per tamponare un’emorragia dopo il parto, utilizzata con meno frequenza del passato poiché sostituita da farmaci specifici per tale azione. Il tamponamento uterino viene eseguito introducendo nella cavità uterina una lunga garza sterile a riempimento della cavità stessa.
Tappo mucoso: Insieme delle secrezioni che isola dall’ambiente esterno l’utero, chiudendone il collo. Prima del parto questo tappo viene espulso e si verifica una piccola perdita indolore di mucosa vaginale biancastra gelatinosa, spesso con tracce di sangue. Questo può indicare che il collo dell’utero comincia a dilatarsi ma talvolta tali perdite possono manifestarsi addirittura settimane prima dell’inizio del travaglio, senza comunque che il bambino corra alcun pericolo.
Teleangectasie: Sono delle macchie rossastre causate dai capillari che si dilatano sottopelle. Compaiono con maggiore frequenza sul bacino e sulle gambe e, a volte, scompaiono dopo il parto.
Teratogeno: Qualsiasi medicinale o sostanza che, a causa dei suoi componenti, provoca un anomalo sviluppo nell’embrione, se somministrato alla madre nelle prime otto settimane di gravidanza.

Test di screening: Esame che ricerca i possibili segni di malattia nelle persone che non hanno sintomi.

Tocolisi: Arresto o rallentamento delle contrazioni durante il parto prematuro effettuato mediante farmaci detti tocolitici.
Toxo-test: Esame per controllare se si è immunizzate contro la toxoplasmosi, che se contratta in gravidanza può causare anomalie al feto. Il risultato positivo, indica la presenza di anticorpi anti-Toxoplasma, in altre parole che è in corso, o lo è stata precedentemente un’infezione. In caso di infezione in atto è necessario intraprendere una terapia antibiotica e approfondire con ulteriori accertamenti.

Toxoplasmosi: Malattia causata dal protozoo Toxoplasma Condii, che se contratta in gravidanza e non diagnosticata per tempo può provocare malformazioni nel feto. Con un semplice esame del sangue, Toxo-test, è possibile verificare la presenza o meno di tale infezione nella madre. Il contagio può avvenire mangiando verdura cruda contaminata e non lavata con cura, carne poco cotta, o toccando feci di animali infetti (soprattutto gatti) senza poi lavarsi accuratamente le mani.
Training autogeno respiratorio (RAT): Metodo di preparazione al parto che sfrutta la respirazione e la visualizzazione mentale di situazioni che ispirino sensazioni di benessere, per raggiungere un rilassamento della muscolatura soprattutto di quella che sarà impegnata durante il parto. Una giusta respirazione, infatti, permette una corretta ossigenazione dell’organismo sia durante il travaglio sia nella fase espulsiva del parto, facendo sì che i muscoli non oppongano resistenza alla discesa del bambino, riducendo sia le sensazioni di dolore sia di durata del parto. Tale metodica necessita di concentrazione e di un impegno attivo e cosciente della gestante che dovrà regolarmente ripetere anche a casa gli esercizi imparati durante il corso, in modo da ottenere un buon allenamento ed arrivare al momento del parto con una buona padronanza del metodo.
Translucenza nucale: La translucenza nucale è valutabile con un’ecografia eseguita tra la 12esima e la 14esima settimana, e consente di misurare lo spessore della parte posteriore della nuca del bimbo (plica nucale). Si ritiene che nei bambini con plica nucale più spessa del normale, l’incidenza di cardiopatie congenite, Sindrome di Down e altre anomalie cromosomiche sia più elevata. In ogni caso, per ottenere una diagnosi certa è necessario eseguire un’amniocentesi oppure un prelievo dei villi coriali (villocentesi).
Travaglio: Periodo in cui compaiono le contrazioni uterine utili per lo svolgimento del parto. Verso il termine della gravidanza a volte si confondono contrazioni di preparazione (le cosiddette contrazioni di Braxton-Hicks) con le vere contrazioni del travaglio che porteranno alla completa dilatazione del collo dell’utero.
Travaglio indotto: Vedi Induzione del travaglio.
Tri-test o Triplo test: Questo test verifica la concentrazione nel sangue dell’alfafetoproteina, della gonadotropina corionica umana (HCG) e dell’estriolo libero (un tipo d’estrogeno prodotto dalla placenta). Se il test dà un risultato fuori della norma la gestante viene sottoposta ad altre indagini come l’ecografia, che evidenzierà eventuali anomalie nello sviluppo corporeo del feto, e l’amniocentesi, che analizzerà e riscontrerà eventuali problemi a livello genetico.
Tricomoniasi: Infezione vaginale che si manifesta con secrezioni scure e schiumose, dal colore grigio o giallo verdognolo, pruriti e dolore nella zona della vagina. Si trasmette con i rapporti sessuali, per questo motivo anche l’uomo deve sottoporsi al trattamento. Non si trasmette al feto, ma può essere la causa di altre infezioni più gravi che potrebbero colpirlo.
Trisomia 21: Anomalia cromosomica caratterizzata da un cromosoma 21 sovranumerario. Si accompagna ad un marcato ritardo mentale ed anomalie fisiche (vedi Sindrome di down).
Trombofilia ereditaria: Predisposizione genetica alla trombosi.
Trombosi: Formazione di coaguli di sangue che determina un’ostruzione dei vasi sanguigni.
Tube di Falloppio: Condotti attraverso i quali un ovocita si porta dall’ovaio all’utero. Ciascuno dei due canali che mettono in collegamento le ovaie con l’utero.
Tubo neurale: Il primo abbozzo nell’embrione dell’apparato cerebrospinale.

Leggi anche

Seguici