Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Tony Scott: il suicidio dovuto ad un cancro inoperabile

Tony Scott aveva un cancro inoperabile. Ecco la probabile causa del suicidio

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

21 Agosto 2012

tony scott mortoTony Scott, noto ed acclamato regista, fratello del più conosciuto Ridley, è morto domenica lanciandosi dal Vincent Thomas Bridge di San Pedro, in California. Aveva 68 anni.

Molti testimoni presenti sul luogo hanno dichiarato alla polizia di aver visto il regista lanciarsi senza alcuna esitazione dal ponte verso le 12.30 circa, effettuando un volo di circa 56 metri.

Data l’altezza, si ritiene che l’impatto con l’acqua sia stato fatale, un impatto al quale hanno assistito inorriditi alcuni malcapitati spettatori presenti su una nave da crociera che stava effettuando il giro del porto di Los Angeles.

Ed è stato proprio uno dei suddetti passeggeri a confermare la tragica scena, rilasciando una dichiarazione a TMZ:

E’ atterrato proprio accanto al nostro giro in barca, e molti di noi hanno visto tutto”.

Stando alle ultime notizie, riportate dall’emittente televisiva americana Abc, il motivo dell’estremo gesto di Scott è da ricondurre ad un cancro inoperabile diagnosticatogli all’inizio di questa estate.

Tale notizia sarebbe stata riferita da una fonte molto vicina alla famiglia del regista, che avrebbe dichiarato:

tony scott morto“È  stato colpito da un cancro e ha avuto una ricaduta. Non era depresso, era un uomo incantevole.”

A quanto pare, pochi mesi fa, Tony Scott aveva subito un ricovero ospedaliero dicendo agli amici che si trattava di un’operazione all’anca. Alcuni però non gli hanno creduto, considerando maggiormente valido il sospetto che il cancro, sconfitto precedentemente dallo stesso regista, si fosse ripresentato.

Le notizie che giungono sono ancora vaghe e non confermate dalla polizia che al momento, su richiesta della famiglia Scott, cerca di mantenere l’assoluto riserbo sulla vicenda, anche in attesa dell’esame autoptico.

Leggi anche

Seguici