Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Pelle rossa e secca neonato e bambino: quando la cute è ipersensibile

Pelle ipersensibile bambino e neonato - cosa fare in caso di ipersensibilità della cute

Federica Federico

di Federica Federico

29 Agosto 2012

1 bambino su 3 ha la pelle ipersensibile1 bambino su 3 ha la pelle ipersensibile.

L’ipersensibilità della pelle non è una malattia ma solo un particolare “atteggiamento” della cute frequente nei neonati e nei bambini molto piccoli.

La pelle del bambino è particolarmente sensibile o ipersensibile quando:

– si arrossa anche per la mera esposizione al caldo o al freddo, per esempio dopo una passeggiata normale nei giorni di grande caldo o in quelli di pungente freddo;

– si “accende” dopo un grande pianto o dopo un bagnetto caldo;

– risente del contatto con tessuti sintetici;

– tollera poco e male gli sfregamenti tipici del pannolino e si irrita nelle zone di maggiore contatto come l’inguine ed il girovita.

1 bambino su 3 ha la pelle ipersensibile Normalmente la cute ipersensibile “si segna” semplicemente a causa della pressione delle dita sulla pelle. E comunemente tende a seccarsi e tirare al punto tale che i bambini lamentano prurito o pizzicore.

La pelle svolge una fisiologica funzione di barriera, essa è la corazza del corpo, quando è ipersensibile vuol dire che reagisce in maniera eccessiva a stimoli comuni, normalmente ben tollerati da chiunque. L’ipersensibilità indica una corazza fragile ovvero una pelle che non riesce a svolgere completamente la sua naturale funzione di barriera.  In tal senso la cute ipersensibile va tutelata e rinforzata. Con la crescita e con l’aumentare del corredo immunitario del bambino il disturbo si assorbirà da solo.

Come aiutare la pelle dei bambini ipersensibili?

  1. Evitare brusche variazioni di temperatura;
  2. Evitare prolungate esposizioni al caldo o al freddo;pelle rossa e secca neonato e bambino: quando la cute è ipersensibile
  3. Usare acqua tiepida per i lavaggi;
  4. Prediligere indumenti in fibre naturali;
  5. Cambiare frequentemente il bambino;
  6. Evitare che il sudore si asciughi sulla pelle;
  7. Per la detersione del pupo utilizzare prodotti privi di profumo, coloranti, conservanti e parabeni. È buona norma leggere bene le etichette e preferire prodotti naturali. I bambini possono essere efficacemente lavati con gli amidi di riso e mais, nonché con acqua e bicarbonato. Laddove gli amidi come il bicarbonato sono benefici per la cute arrossata poiché esercitano su essa un naturale effetto lenitivo e antinfiammatorio.

Leggi anche

Seguici