Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Non riesco a rimanere incinta, perché?

Chi vuole un bambino non deve avere fretta. Rimanere incinta è naturale ma non sempre facilissimo, richiede infatti la concomitanza di più eventi e situazioni

Gioela Saga

di Gioela Saga

07 Settembre 2012

Trascorso un anno di infruttuosi tentativi di procreare un bambino è possibile ipotizzare che vi sia un “ostacolo”. Quindi solo dopo un congruo lasso di tempo si indagano possibili cause di infertilità femminile o maschile.

L’infertilità è una condizione difficile da accettare soprattutto quando blocca il desiderio di una coppia di fiorire in un figlio. Ancora oggi l’infertilità maschile è spesso un taboo.

Spesso sembra che qualcosa di ancestrale faccia calare un sottile velo di censura sulla tematica dell’infertilità maschile, come se potesse in qualche modo ledere la virilità dell’uomo anche solo parlarne.

Non è invece e non deve essere un taboo ma è parte integrante di una problematica di coppia e, sottolineo, di coppia, riguardante la possibilità di poter avere figli insieme.

L’infertilità maschile è, al pari di quella femminile, un ostacolo alla procreazione. La maggior parte delle volte è dovuta a un basso numero di spermatozoi, proprio per questo, un’analisi del seme è spesso il primo passo per poter capire il problema e poterlo risolvere, se possibile, con trattamenti a disposizione.

A volte la ritrosia nell’affrontare l’infertilità maschile è dovuta proprio al tipo di test che si deve effettuare per stabilirne esattamente la portata, che consiste nel produrre un campione di liquido seminale.

Non bisogna nascondere la testa sotto la sabbia, milioni di uomini affrontano il problema dell’infertilità e spesso con successo e ottimi risultati, diventando padri felici.

Se si incontrano difficoltà a concepire un figlio, l’infertilità maschile potrebbe essere una delle cause o, a volte, concause, che entrano in gioco.

Potrebbe riguardare direttamente te o il tuo partner o un amico, un familiare, in qualsiasi caso è bene essere informati su tutti gli aspetti di questa eventualità e poter avere indicazioni valide e un aiuto concreto senza pregiudizi di sorta. La difficoltà a concepire, a parte casi particolari, non è collegata a nessun tipo di difficoltà ad avere normali e soddisfacenti rapporti sessuali.

Alcune coppie hanno difficoltà ad avere figli e potrebbero anche metterci un po’ più di tempo del “normale” ad avere un figlio, ma una coppia è considerata a rischio infertilità solo quando si cerca per un anno di concepire un figlio senza successo, solo allora si consiglia di prendere in esame delle indagini più approfondite.

Più di una coppia su dieci ha dovuto affrontare questa problematica e in moltissimi casi si è potuta risolvere.

Un tempo si pensava che l’infertilità fosse solo un problema femminile, ma oggi si sa che anche gli uomini possono essere implicati allo stesso modo.

Si stima che quando in una coppia si ha una difficoltà ad aver figli: una volta su 3 sia dovuto a un problema di infertilità maschile e sempre una volta su tre all’infertilità femminile, dunque la stessa identica percentuale! Inoltre, una volta su tre sembra essere dovuta a problemi concernenti entrambi i partner oppure non si può trovare la causa specifica del problema. Ecco perché quando una coppia ha problemi a concepire, si fanno test ed analisi sia alla donna che all’uomo.

Se state cercando di avere un figlio da più di un anno senza successo potrebbe essere  rivolgervi al vostro dottore per ulteriori indagini di coppia.

Tratto da Planned Parenthood

Leggi anche

Seguici