Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Come fare l’inserimento al nido, consigli utili per mamma e bambino

Come affrontare l’inserimento all’asilo nido

Paola

di Paola Pozzato

26 Settembre 2012

come fare l'inserimento all'asilo nidoIl momento dell’inserimento all’asilo nido, non è sicuramente una passeggiata, ma un percorso delicato.

Per la prima volta il bambino si trova a dover lasciare la famiglia  e in un certo senso è costretto ad “affrontare” il mondo da solo. Per questo motivo l’inserimento all’asilo nido deve avvenire in maniera graduale e con ritmi che variano da soggetto a soggetto. Per alcuni bambini basta una settimana per ambientarsi, per altri ne servono due o addirittura potrebbe servire un mese affinchè  si sentano sicuri.

Ed anche se il bambino sembra sereno, è meglio non accelerare i tempi, perché la crisi potrebbe arrivare persino dopo.

come fare l'inserimento all'asilo nido L’inserimento deve essere comunque  vissuto serenamente da entrambe le parti: anche per la mamma è una separazione difficile e un momento che crea ansia e stress.

L’asilo nido è un percorso che cresce nel tempo e rappresenta un valido aiuto alle famiglie, che per motivi di lavoro o personali decidono di lasciare il bambino in una struttura qualificata.  Le famiglie  devono  essere perciò partecipi dei progressi del loro bambino.

come fare l'inserimento all'asilo nido Alcuni asili nido, a tal proposito, offrono alla famiglia la possibilità di partecipare all’attività e essere anche protagonisti di laboratori creativi insieme al bambino. Questo serve per capire e verificare di persona che il proprio figlio è un ambiente sicuro, confortevole e che le sue educatrici sono persone affidabili.

oggetto di transizione Un prezioso consiglio per rendere questo distacco meno “traumatico”, potrebbe essere quello di permettere al piccolo di portare all’asilo “un pezzettino di casa”. Un oggetto di transizione insomma, come la copertina, un orsetto, un gioco preferito. Questo servirà per far ricordare la mamma e la famiglia e non farlo sentire abbandonato.

bambino al nidoUn altro consiglio è quello di porre  tante domande alle educatrici, per conoscere come sarà la giornata del vostro bambino: le attività, il momento del pranzo e il momento del gioco. Saranno informazioni utili per capire che vostro figlio sta bene e servirà per non farvi sentire in colpa per averlo lasciato in un ambiente diverso da casa propria.

bambino al nido Una cosa importante da ricordare è che il bambino, prima di andare via, va sempre salutato. Non fate  l’errore di andare via, magari mentre è impegnato a giocare. Salutate sempre il bambino, spiegandogli che la mamma se ne va e che più tardi tornerà a prenderlo.  

bambino al nidoSe la mamma è serena, trasmette tranquillità anche al bambino,che piano piano arriverà a fidarsi dell’ambiente scolastico, regalandovi grandissimi sorrisi !

Fonte:

Leggi anche

Seguici