Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

L’ex fidanzata di Fiorito non sapeva e non sospettava nulla, ma viveva vacanze da sogno

Samantha Reali racconta il suo amore con Fiorito

di Mariangela Saulino

26 Ottobre 2012

Samantha Reali, la ex fidanzata di Franco Fiorito, racconta al settimanale “Chi” la sua storia d’amore con l’ex capogruppo Pdl alla Regione Lazio, attualmente in carcere con l’accusa di calunnia, falso e peculato.

La ragazza esprime un sentimento di vergogna per la vita condotta con l’ex, e dichiara:”Oggi cammino per strada e la gente mi insulta”, dice Samantha Reali, “Tutti sono convinti che io abbia fatto la bella vita con i soldi del partito ma io non ne sapevo nulla. Nego qualunque tipo di accusa. Anche io sono italiana, pago le tasse e sono incazzata quanto voi”.

Sembra strano però che non riuscisse a sospettare nulla alla luce visto che la vita che conducevano era molto particolare.

Racconta di viaggi costosissimi come quello a Capri per il suo compleanno, nel 2006, dove furono ospiti dell’Hotel Quisisana ed, in particolare di una suite da più di quattromila euro per notte, rallegrata da ostriche e champagne.

Poi tanti altri viaggi, a Berlino, a Positano, Venezia, Londra, tutti rigorosamente in business class.

Samantha, ai più nota come Sissi, descrive una vacanza da nababbi alle Maldive, dove hanno trascorso venti giorni in una suite di cinquecento metri quadrati con tanto di cameriere personale. Un viaggio dal valore di circa cinquantamila euro.

Poi ci sarebbe la questione del bonifico ricevuto dal Pdl direttamente sul suo conto corrente rispetto al quale spiega che: “Erano soldi che mi spettavano. Erano per il mancato pagamento della campagna elettorale che avevo fatto per lui. Lo ammetto: i soldi  sono arrivati senza che nessuno mi avvisasse. Ho chiamato la segreteria di Fiorito per chiedere spiegazioni perché io non avevo firmato nulla, nessun contratto. Sto ancora aspettando che mi richiamino”. 

Samantha adesso è serena e non teme nulla visto che la verità è dalla sua parte. Il colpevole, ormai, è in carcere e lei non può essere accusata per aver  avuto fiducia nel suo uomo. Come avrebbe potuto immaginare che tutti quei soldi venissero dal partito? Si trattava solo di un fidanzato generoso e quale donna innamorata non ne approfitterebbe?

Leggi anche

Seguici