Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Scioperi, proteste e scontri: video shock denuncia il lancio di lacrimogeni dal Ministero

Video schok con lacrimogeni sparati del palazzo del Ministero di Giustizia

di Mariangela Saulino

16 Novembre 2012

Continuano le polemiche sulla manifestazione di sciopero europeo del 14 novembre causate dalla pubblicazione di nuove foto e, soprattutto, di un nuovo video che appesantiscono la posizione di coloro che hanno gestito l’ordine pubblico.

Da questo video girato con il telefonino, uno studente, testimonia che gli scontri sono scoppiati verso le ore 14:10 sul lungotevere dei Vallati.

L’azione parte da una sessantina di studenti che indossavano dei caschi ed impugnavano “scudi letterari”, mentre dagli altri lati della piazza altri giovani hanno cominciato a lanciare sassi e petardi.

La reazione della polizia non ha tardato a arrivare ed è stata molto dura.

Le cariche della polizia sfondano in poco tempo la fragile resistenza dei manifestanti ed i blindati e le jeep li chiudono fra il lungotevere, via Arenula ed il ghetto ebraico.

Nel video si vede con chiarezza la fuga dei manifestanti a seguito delle cariche della polizia.

In centinaia scappano verso via Arenula e, dal palazzo di fronte, dove si trova la sede del Ministero di Grazia e Giustizia, si vedono sparare due lacrimogeni sulla folla.

Dopo il terzo lacrimogeno l’aria diventa pesante e la fuga più pericolosa.

I gas lacrimogeni sono stati sparati, presumibilmente, da persone diverse e dalle stanze al piano superiore rispetto a quello del Ministro Severino.

Resta ora il mistero su chi ha sparato dal palazzo ministeriale, visto che al suo interno lavorano solo delle guardi penitenziarie non certo dotate di armi antisommossa.

 

 

Leggi anche

Seguici