Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Leggende di Natale: la storia dei fili d’oro e d’argento

La leggenda della nascita dei fili d’oro e d’argento posizionati sull’albero di natale

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

26 Novembre 2012

Leggende di Natale Oltre alle classiche palline, le scintillanti luci e il puntale a forma di stella, sono in molti a completare l’addobbo del loro albero con luccicanti fili di color oro e/o argento posizionati in modo casuale, donando così all’abete una maggior luce.

Vi siete mai chiesti come nasce questa tradizionale usanza?

Ecco a voi la leggenda di origini tedesche delle ghirlande di Natale.

In vista delle festività natalizie e lasciandosi trasportare dall’allegra magia del Natale, una mamma decise di rassettare tutta la casa per abbellirla e addobbarla.

Leggende di Natale Era il giorno della vigilia di Natale di molto tempo fa quando la donna, armata di scopa e stracci, iniziò a pulire tutte le stanze facendo scappare tutti i ragni che vi alloggiavano. Questi ultimi, per evitare di essere cacciati via, si rifugiarono in soffitta in attesa che la frenetica attività casalinga cessasse.

La mamma continuò a lungo con il suo bel da farsi: spolverò le mensole, sistemò il camino, rassettò il salone e, dopo aver concluso con la sistemazione gli addobbi, si ritirò nella sua stanza.

In tutta la casa regnava finalmente il silenzio, così che i ragni, dopo lo scampato pericolo, decisero di uscire dalla soffitta per scendere giù e vedere cosa fosse successo e perché vi era stata tanta agitazione da parte della donna.

Leggende di Natale Man mano che scendevano le scale, facendo ben attenzione a non essere uditi, restavano sempre più affascinati da tanta pulizia e splendore: i nastri lucenti appesi ai lampadari, le candele che brillavano sulla tavola, le calze rosse appese al camino, fino a giungere davanti ad un luccicante albero di natale completamente addobbato a festa.

Sorpresi dalla bellissima novità, i ragni iniziarono a perlustrare l’abete salendo e scendendo lungo i rami, girandoci intorno ed ispezionandolo da cima a fondo.

Così facendo però, non si resero conto che lo stavano ricoprendo di ragnatele, polverosi fili che avvolgevano tutto l’albero rendendolo grigio e di certo non lucente.

Leggende di Natale: All’improvviso arrivò Babbo Natale che, scendendo dal camino, fu sorpreso e allo stesso tempo divertito dall’accoglienza ricevuta: tanti ragni saltellanti e felici sopra ad un albero di natale che aveva perso la sua luce.

Pensando alla tanta fatica della mamma nel rassettare e pulire ed immaginandola davanti al polveroso albero, Babbo Natale decise di regalarle una magia trasformando le grigie ragnatele in meravigliosi fili d’oro e d’argento.

Ed ecco come è nata l’usanza di addobbare l’albero di natale con i rilucenti fili.

Ora io mi domando: non sarà il caso di aggiungere anche un piccolo ragno sull’albero?

Dopotutto è anche merito di questo minuscolo insetto se oggi il nostro abete può vantare questo tipo di addobbo.

 

 

Leggi anche

Seguici