Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Yara Gambirasio: delitto avvenuto in un’ora? Il pm smentisce

Il pm Ruggeri smentisce l’ipotesi che il delitto di Yara Gambirasio sia avvenuto in un lasso di tempo pari ad un’ora.

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

30 Novembre 2012

Yara Gambirasio

Nella giornata di ieri sono emersi nuovi particolari inerenti il delitto di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate Sopra (BG) scomparsa ed uccisa il 26 novembre del 2010, il cui corpo fu poi ritrovato tre mesi dopo, il 26 febbraio dl 2011, in un campo Chignolo d’Isola.

Secondo le ultime fonti Ansa, alcuni investigatori avrebbero affermato che la morte della ragazza sarebbe avvenuta all’incirca un’ora dopo la scomparsa, cioè poco dopo esser stata rapita e condotta nel campo sopra citato.

Gli inquirenti, informati dalla madre della ragazza su cosa quest’ultima avesse mangiato e l’ora esatta durante la quale si era consumato il pasto, hanno così affermato con estrema sicurezza l’ora del decesso di Yara, avvenuto poco dopo la scomparsa.

Questa nuova ricostruzione è basata sul processo digestivo della ragazza e tenendo conto del minuto corpo della stessa, della sua prestanza fisica, dei vestiti che indossava e delle condizioni climatiche di quella giornata particolarmente fredda.

Yara Gambirasio Secondo un’ultima ricostruzione dei fatti, Yara sarebbe stata rapita e tramortita non appena uscita dalla palestra. Sia i tagli che le percosse riscontrare sul suo corpo sono avvenute quando la ragazza era ormai priva di sensi, anche perché l’autopsia non ha evidenziato alcuna ferita da difesa. Trasportata poi al campo di Chignolo d’Isola, la ragazza, che non aveva ripreso conoscenza, ha subito un colpo alla testa e sul suo corpo sarebbero state inflitte altre ferite di natura non letale.

Lasciata in terra, Yara sarebbe poi deceduta nel giro di 30-40 minuti circa.

Una ricostruzione che però è stata prontamente smentita dal pm Letizia Ruggeri che, essendo in possesso della relazione stilata in seguito all’esame autoptico realizzato dall’antropologa Cristina Cattaneo, continua ad affermare che il decesso della giovane sia avvenuto a diverse ore di distanza dal rapimento e non prima.

 

 

Leggi anche

Seguici